Notizie da Gallipoli

Tribunale del Malato, vigilanza anche nelle difficoltà al tempo del Covid

I volontari di Cittadinanzattiva di Gallipoli hanno proseguito da remoto ad osservare, verificare, segnalare e monitorare le criticità sanitarie e a denunciarle in modo da farle superare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

GALLIPOLI - I volontari attivi di Cittadinanzattiva Aps della sede di Gallipoli, con la responsabile del Tribunale del Malato della cittadina ionica, Agata Coppola, hanno ritenuto doveroso, a conclusione del 2020, un anno molto difficile, ripensare alle esperienze vissute dal movimento in questo periodo, sintetizzarle e comunicarle.

Il mese di Settembre 2020 vede la realizzazione di un momento molto importante: la firma di un protocollo di intesa fra la Regione Puglia e Cittadinanzattiva regionale. Il documento è stato firmato dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dal direttore del dipartimento salute, Vito Montanaro, dal segretario regionale di Cittadinanzattiva, Matteo Valentino e dalla coordinatrice regionale del Tribunale per i diritti del malato, Stefania Palmisano. Il protocollo di intesa ha come “finalità generale” la collaborazione tra la Regione Puglia e il movimento Cittadinanzattiva Aps Puglia. 

Con questo atto viene confermata la mission di cittadinanzattiva, il principio della legge sulla partecipazione e gli obiettivi di tutela dei diritti sanciti dalla Carta Europea dei diritti del malato. Si è visto, infatti, che la partecipazione inclusiva dei cittadini nelle politiche pubbliche rende possibile l'individuazione dei bisogni e facilita la programmazione, la valutazione di politiche e di servizi per Il cittadino. E’ stato confermato il ruolo del movimento che è quello di osservare i servizi sanitari e socio-sanitari per far emergere criticità utili a pianificare azioni di miglioramento, ma anche a fare emergere le buone prassi ed la nascita di servizi sempre migliori.

Il compito di Cittadinanzattiva è stato assai difficile nel periodo di pandemia, tuttavia il gruppo dei volontari attivi di Gallipoli ha avuto modo di osservare, verificare, segnalare e monitorare le criticità e denunciarle e far in modo che venissero superate. I volontari sono rimasti in ascolto del cittadino, attraverso il web, h24, pur assenti dall'ufficio, ubicato al secondo piano della torre A del presidio ospedaliero ”Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli. Si sono, interfacciati con le istituzioni competenti e hanno informato gli aderenti al movimento attraverso la newsletter mensile.

Cittadinanzattiva di Gallipoli vuol far conoscere a tutti che nel corso dell’anno ci sono state segnalazioni, anche da fuori del territorio gallipolino, e che riguardato difficoltà nella fruizione dei servizi, ostacoli nell’acquisizione dei farmaci, comportamento del personale, prestazioni sociali, tempi d’attesa, livello di soddisfazione dei cittadini.

Cittadinanzattiva ha poi condiviso con grande attenzione  tutti gli eventi di grande innovazione che nel 2020 hanno costellato la vita del presidio ospedaliero di Gallipoli. Ci sono state attivazioni importanti quali la Rianimazione, le sale operatorie, la camera mortuaria, l'accoglienza Urp, progetto utilizzato anche dalla Regione Puglia, gli ambulatori ubicati al 2° piano, l'attivazione della lungodegenza, il nuovo centro trasfusionale in via di accreditamento, i primi espianti d'organo, il day hospital thalassemici.

Sono tutte “conquiste” che si sono potute raggiungere grazie all’impegno costante degli amministratori e del dirigente sanitario che hanno dovuto superare difficoltà di ogni genere, ma hanno sempre lavorato con serietà e determinazione per poter realizzare opere efficienti ed utili in grado di rispondere ai bisogni di una cittadinanza sempre più ampia.

Il Tdm è sempre stato a fianco sia degli operatori sanitari che degli amministratori nel sostenere le loro iniziative per rispondere alle domande e alle richieste di salute pubblica del territorio. Cittadinanzattiva di Gallipoli è stata in costante contatto con i referenti regionali del movimento e con i responsabili dei Tdm della Puglia, ha fatto conoscere le esperienze e le problematiche relative alla sanità locale anche in questo momento difficile, per fare circolare le notizie ed essere di aiuto ad altri. E’ stato un impegno svolto con discrezione e senza essere invadenti.

Torna su
LeccePrima è in caricamento