Sabato, 31 Luglio 2021
Gallipoli

Videocamera e iPhone a prezzi convenienti, ma restano sul web: tre persone denunciate

Una coppia della provincia di Teramo e un giovane del Brindisino dovranno rispondere di truffa aggravata. Le indagini condotte dai carabinieri di Sannicola e di Gallipoli: i venditori incassano l'accredito in anticipo e poi spariscono

GALLIPOLI – Il mercato dei prodotti di elettronica e di telefonia mobile è tra i più dinamici, ma anche tra i più rischiosi. Soprattutto se trattative  e vendita sono condotte, senza le opportune cautele, on line e per giunta tra privati. Negli ultimi mesi sono sempre più frequenti le denunce per truffa: lo dicono le statistiche, nella fattispecie quelle dei carabinieri.

I militari delle stazioni di Gallipoli e Sannicola hanno denunciato a piede libero per truffa aggravata tre persone – una coppia della provincia di Teramo e un giovane del Brindisino – all’esito di un’attività d’indagine. Il copione è più o meno sempre il solito: cellulari, videocamere, fotocamere sono messi in vendita sui siti più frequentati per la compravendita, a prezzi interessanti ma non stracciati. Perché altrimenti anche un acquirente sprovveduto potrebbe iniziare ad avere dubbi.

Concluso il presunto affare al termine di una trattativa condotta via mail o con messaggi privati sugli stessi siti, si richiede il pagamento in anticipo con accredito su carte prepagate. Effettuato il versamento, l’acquirente resta in vana attesa fino a che non decide di ricontattare il venditore. Ma a quel punto se ne sono già perse le tracce.

Le indagini dei carabinieri consistono nel cercare riscontri tra le mail scambiate tra le parti, i dati ottenuti dai portali di compravendita e i dati delle carte prepagate. I militari di Sannicola si sono occupati della denuncia riguardante l’acquisto di una immaginaria videocamera per 200 euro, mentre quelli di Gallipoli di un presunto iPhone da 300.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Videocamera e iPhone a prezzi convenienti, ma restano sul web: tre persone denunciate

LeccePrima è in caricamento