rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
zone

Lavoro nei campi, il 59 per cento delle aziende non in regola con le norme

In sei casi è scattata anche la sospensione, laddove trovato personale del tutto in nero, fra cui persino un paio di minorenni extracomunitari. Riscontrate violazioni anche in materia di orari e sicurezza

LECCE – Una novantina di comuni interessati in provincia di Lecce e un risultato che induce a una riflessione su quanto si sia ancora lontani da conizioni accettabili: su 86 aziende controllate, 51 (ovvero, il 59 per cento) non sono risultate in regola con le normative in materia di rapporti di lavoro e legislazione sociale.

È il risultato di quattro settimane di controlli che l’Ispettorato territoriale di Lecce ha svolto,  coordinando una specifica task force nell’ambito del progetto “Supreme”. Vi hanno partecipato, fra gli altri, carabinieri del del Nucleo ispettorato del Lavoro di Lecce e del comando provinciale dell’Arma, personale dello Spesal dell’Asl e mediatori culturali messi a disposizione dall’Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni). Il supporto logistico è stato garantito grazie alle varie stazioni dei carabinieri presenti sul territorio salentino.

L’attività di vigilanza straordinaria si è svolta in fondi in cui viene prestata manodopera per la raccolta di pomodori e angurie, oltre che in aziende di trasformazione del prodotto agricolo e in serre florovivaistiche. Nel corso degli accertamenti sono state controllate le posizioni di 478 lavoratori, di cui 97 provenienti da nazioni al di fuori dell’Unione Europea. E, nel caso di 132 lavoratori, sono state riscontrate, in particolare, violazioni in materia di orari e sicurezza.

Durante le ispezioni sono stati emanati anche sei provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale. I provvedimenti hanno riguardato i casi più gravi, ovvero aziende in cui è stata accertata per la presenza di lavoratori assunti completamente in nero. In tutto, ne sono risultati 45 . Fra loro, persino due minorenni extracomunitari sprovvisti di permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro nei campi, il 59 per cento delle aziende non in regola con le norme

LeccePrima è in caricamento