Martedì, 27 Luglio 2021
S.M. Leuca

Messa in sicurezza del Ciolo, in consiglio approda una interrogazione a tema

Il gruppo di minoranza, "Gagliano Futura", ha presentato una richiesta di approfondimento sul progetto di riqualificazione del versante roccioso dell'importo di 500mila euro. Il Pd accusa l'amministrazione di "superficialità"

GAGLIANO DEL CAPO - Il gruppo consiliare di minoranza “Gagliano Futura” (Daniele Bisanti, Piera Anna Petracca, Mino Greco, Valentino Pizzolante e Salvatore Sergi) presenta sul tavolo amministrativo un’interrogazione che ha per oggetto il progetto per la messa in sicurezza del versante roccioso in località Ciolo, dell’importo di 500 mila euro, denunciando davanti all'opinione pubblica la "superficialità" con cui la maggioranza starebbe affrontando la problematica.

L'attenzione è stata posta sulla tipologia di intervento prevista esclusivamente con la messa in opera di circa 1650 metri quadrati di rete metallica con ancoraggi in barre di acciaio di lunghezza minima di 3 metri e di diametro pari a 42 millimetri: si chiede di verificare l’efficacia di questa soluzione progettuale estesa per ulteriori 4.700 metri quadrati anche nel secondo progetto finanziato per un importo di un milione di euro.

Al secondo punto dell’interrogazione si chiede se, come previsto dalla Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici, dovendo limitare l’intervento di messa in sicurezza alle sole aree per le quali vi è effettivo pericolo di crollo al fine di garantire la sicurezza della pubblica e privata incolumità, si è approfondito lo studio. Il terzo e ultimo punto riguarda l’appalto dei lavori: si chiede come mai, nella manifestazione d’interesse a partecipare alla procedura negoziata, a fronte di oltre 100 disponibilità, si è deciso di invitare solo cinque imprese.

"Con senso di responsabilità - dichiarano -, in attesa della discussione in consiglio comunale, i consiglieri chiedono di sospendere temporaneamente le attività inerenti l’affidamento dei lavori in modo da evitare ogni possibile eventualità di danno".

"Il Partito Democratico fa un appello ad approfondire con senso di responsabilità e uno spirito collaborativo e di trasparenza la questione alla ricerca di un metodo meno invasivo e impattante per mettere in sicurezza la baia del Ciolo - afferma il neo letto segretario del Pd locale, Marco Pizzolante ., per far trovare a tecnici esperti una soluzione che garantisca sicurezza e nello stesso tempo preservi il Ciolo affinché rimanga uno degli scorci più incantevoli del parco Otranto-Santa Maria di Leuca. Siamo fiduciosi di riuscire a trovare la tecnica di intervento più consona alle esigenze del luogo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messa in sicurezza del Ciolo, in consiglio approda una interrogazione a tema

LeccePrima è in caricamento