Giovedì, 17 Giugno 2021
S.M. Leuca Via Cristoforo Colombo

Diciotto migranti rintracciati a Leuca. E solo a maggio già sette gli sbarchi

Primo approdo di giugno per un'attività sembra che in netta ripresa. Ritrovato un gommone di 7 metri lungo la costa. I migranti rintracciati in due gruppetti da dodici e da sei. Fra loro anche famiglie con minori. Sembra che siano tutti siriano. Condotto nel centro "Don Tonino Bello" di Otranto

Scorcio della costa di Leuca.

SANTA MARIA DI LEUCA – Sono diciotto i migranti rintracciati nelle ultime ore dentro Santa Maria di Leuca. Si aggiravano nel centro abitato, divisi in due gruppetti. I primi dodici sono stati avvisati su lungomare Cristoforo Colombo, proprio a ridosso delle case. In seguito sono stati notati altri sei, fra cui tre minori. Sono tutti maschi.

Si presume, quindi, che lo sbarco sia avvenuto in qualche anfratto proprio in prossimità della marina di Castrignano del Capo e che fra i migranti, tutti siriani in fuga dalla guerra che sta sconvolgendo il Paese. Sempre più spesso sono anche gli interi nuclei familiari che affrontano lunghe e pericolose traversate per raggiungere le coste salentine, dopo essersi accalcati sulle sponde greche.

Già alle prime ore una motovedetta della guardia costiera ha scorto un’imbarcazione sospetta. Si tratta di un gommone di 7 metri finito sotto sequestro. In seguito, sono arrivate le segnalazioni via terra di cittadini. Si è attivata così del tutto la macchina delle ricerche, composta anche da carabinieri della compagnia di Tricase e finanzieri, che hanno alla fine rintracciato e ricomposto l’intero gruppo.

E’ stato poi allestito un pullman per trasportare i diciotto migranti presso il centro di prima accoglienza “Don Tonino” Bello di Otranto, dove la procedura d'identificazione è affidata al commissariato di polizia di Otranto.

Negli ultimi periodo gli sbarchi sulle coste del Salento si stanno nuovamente intensificando. Solo a maggio ne sono avvenuti ben sette, in qualche caso culminato con l’arresto degli scafisti. Erano stati preceduti da qualche ondata ad aprile, che già appariva un'avvisaglia di un'attività di nuovo in fermento, dopo un arresto con qualche rado avvistamento nei mesi invernali.

L’ultimo sbarco è davvero recente, perché risale appena al 29 maggio ed è avvenuto a Porto Badisco. In tutti i casi, si tratta sempre di piccoli gruppi che difficilmente superano la trentina di persone. L’impressione è che arrivino a scaglioni e che quindi, al di là del mare, siano ancora molti in attesa di prendere il largo nei prossimi giorni, per approdare in punti che cambiano di volta in volta, da San Cataldo fino al Capo di Leuca.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diciotto migranti rintracciati a Leuca. E solo a maggio già sette gli sbarchi

LeccePrima è in caricamento