Mercoledì, 28 Luglio 2021
S.M. Leuca

Ancora sbarchi di clandestini: rintracciati 37 pakistani. Quattro feriti

L'ultimo approdo ieri sera a Punta Ristola, a Leuca. I gruppo è stato rintracciato dai carabinieri mentre camminava per strada in direzione di Castrignano del Capo. Alcuni si erano feriti durante le fasi concitate dello sbarco

Il centro di prima accoglienza "Don Tonino Bello" a Otranto

SANTA MARIA DI LEUCA (Castrignano del Capo) – Non si fermano gli sbarchi di clandestini sulle coste del Salento. Ieri sera, tra le 20 e le 22, un altro approdo in prossimità di Punta Ristola, a Santa Maria di Leuca. Trentasette i pakistani rintracciati dai carabinieri della compagnia di Tricase mentre procedevano in gruppo verso il centro di Castrignano del Capo.

Tutti uomini e tra loro quattro hanno dovuto ricorrere alle viste mediche presso l’ospedale “Panico” di Tricase per avere subito alcune lesioni che si sono procurati durante le fasi concitate dello sbarco. Dimessi dopo le medicazioni, hanno raggiunto a bordo dei mezzi di soccorso gli altri connazionali, che nel frattempo erano stati trasferiti nel centro di prima accoglienza “Don Tonino Bello” di Otranto.

Quest’ultimo sbarco si aggiunge a quello di ieri, il più recente, quando tra l'una e le 6 del mattino, sempre sulle coste di Santa Maria di Leuca,  sono stati rintracciati 51 persone di nazionalità afgana e pakistana, tra cuii anche cinque donne. Due di loro hanno affrontato il viaggio nonostante le rispettive gravidanze. Sei, in tutto, le donne. Nove, invece, i minorenni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora sbarchi di clandestini: rintracciati 37 pakistani. Quattro feriti

LeccePrima è in caricamento