Martedì, 19 Ottobre 2021
S.M. Leuca Castrignano del Capo

Nove stranieri rintracciati sulle coste del Capo, mistero sullo sbarco

Otto sono adulti, uno minorenne. Sette rintracciati dai carabinieri a Santa Maria di Leuca, altri due nei dintorni di Gagliano del Capo dai carabinieri della compagnia di Tricase. Sono del Bangladesh. Condotti presso il Don Tonino Bello di Otranto. Non si come e quando siano arrivati

SANTA MARIA DI LEUCA – Che vi sia stato uno sbarco, è più che evidente. Quando, però, questo sia avvenuto e quanti fossero in origine gli occupanti di qualche imbarcazione riuscita evidentemente a riprendere il largo oltrepassando i controlli, non si sa. Sono soltanto nove, infatti, gli extracomunitari trovati a vagare alle prime luci dell’alba. Sette sono stati rintracciati nei pressi di Santa Maria di Leuca, altri due si trovavano invece nella zona di Gagliano del Capo.

Ed è forse proprio da queste parti che è avvento lo sbarco, in un momento imprecisato. Solitamente, però, i gruppi sono molto più corposi, composto da almeno trenta, se non quaranta individui, ragion per cui c’è la possibilità che altri stiano ancora vagando o che siano riusciti a prendere qualche treno da una stazione locale delle Ferrovie Sud-Est e raggiungere Lecce, da dove poi ambiscono di solito a località del Nord. I nove, tutti rintracciati dai carabinieri delle stazioni dipendenti dalla compagnia di Tricase, si sono dichiarati provenienti dal Bangladesh.

Otto sono adulti, uno solo apparentemente è minore. Sono stati condotti presso il centro di prima accoglienza “Don Tonino Bello” dove nelle prossime ore sarà convocato anche qualcuno che faccia da interprete per comprendere meglio i dettagli del loro ingresso in Italia.     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nove stranieri rintracciati sulle coste del Capo, mistero sullo sbarco

LeccePrima è in caricamento