rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
S.M. Leuca Castrignano del Capo

Nuovo sbarco: 13 siriani approdano nel basso Salento. Arrestato scafista

Sono stati avvistati dagli uomini della guardia di finanza e dai colleghi della capitaneria di porto. Tra i migranti, accompagnati presso il "Don Tonino Bello" di Otranto. In manette il responsabile della traversata

SANTA MARIA DI LEUCA (Castrignano del Capo) - È bastata quell'imbarcazione a vela, per insospettire i militari delle guardia di finanza di Gallipoli. Poco prima della mezzanotte, infatti, gli uomini delle fiamme gialle, a assieme agli uomini della capitaneria di Santa Maria di Leuca hanno scortato la barca, quasi certamente proveniente dalla Grecia, fino all'ingresso del porto, avvenuto alle 23,30.

A bordo dell'imbarcazione ormeggiata, lunga 13 metri, denominata “Andromachi”, con una bandiera greca, 13 migranti, tutti di nazionalità siriana, condotti presso il centro "Don Tonino Bello" di Otranto per le procedure di rito. E' stato, intanto, individuato lo scafista, ritenuto responsabile della pericolosa traversata: si tratta di un uomo, un cittadino lituano di 44 anni, arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Inoltre, due migranti di nazionalità siriana sono stati denunciati per possesso di documenti di identità palesemente falsi.

L'attività di monitoraggio notturno delle coste, attuata nell’ambito dell’operazione congiunta “Aeneas 2012”, condotta dall’Agenzia europea Frontex,  ha visto il coinvolgimento di mezzi aeronavali della guardia di finanza, della capitaneria di porto e di altri Paesi europei, al fine di contrastare le organizzazione dedite al traffico illecito di migranti clandestini verso le coste pugliesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo sbarco: 13 siriani approdano nel basso Salento. Arrestato scafista

LeccePrima è in caricamento