Mercoledì, 28 Luglio 2021
S.M. Leuca

Scippò una donna a Faenza, rintracciato nel Salento: deve scontare la pena

Alfredo Nicolì, 35enne di Corsano, deve rispondere di fatti avvenuti nel 2007. All'epoca, con tre complici, aggredì una donna per sottrarre la borsa, ma fu individuato e arrestato. Ora la sentenza a suo carico è diventata irrevocabile

@TM News/Infophoto

CORSANO – Già autore di uno scippo nel marzo del 2007, quando risiedeva a Faenza, in provincia di Ravenna, è ora finito in carcere a Lecce. La sentenza a suo carico, infatti, è divenuta irrevocabile. A dover scontare anno, otto mesi e diciassette giorni (il tempo residuo, sui due anni totali inflittigli) Alfredo Nicolì, 35enne di Corsano. L’ordine di esecuzione per la carcerazione è stato emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ravenna. Nicolì risponde di rapina impropria.

L’anno dell’arresto, Nicolì e altri tre giovani, di cui un paio stranieri, scipparono la borsa ad una signora faentina, strattonandola e scappano. Tuttavia, la vittima riuscì a focalizzare alcuni importanti dettagli dell’aspetto fisico e degli indumenti.

nicolì alfredo.-2Le indagini avviate falla polizia giudiziaria permisero, nel giro di poco tempo, di individuare i quattro giovani, fra cui il salentino. Tornato a vivere nel suo paese d’origine, oggi, alla porta di casa, ieri hanno bussato i carabinieri della stazione, che l’hanno condotto presso la casa circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce. Nel computo della pena prevista, anche 200 euro di multa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scippò una donna a Faenza, rintracciato nel Salento: deve scontare la pena

LeccePrima è in caricamento