menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Maglie eretto “Muro della Gentilezza”: abiti e oggetti utili per chi ne ha bisogno

Prende corpo l’iniziativa benefica promossa dagli operatori locali e dal Comune nel porticato del palazzo municipale. Chiunque può donare beni e altri materiali utili che possono essere ritirati dai meno fortunati

MAGLIE – In diverse città italiane sono già una consuetudine consolidata e ora la solidarietà appesa al muro della gentilezza diventa anche una prerogativa tra i meandri del porticato del palazzo comunale di Maglie. Una iniziativa di solidarietà contagiosa che rivaluta anche la funzione sociale e simbolica dei “muri”: caduti quelli  che per decenni hanno diviso gli Stati e i popoli, ora si ergono altri muri, quelli che uniscono e avvicinano le persone. Questo è l’intento della nuova iniziativa di solidarietà dal titolo “Muro della Gentilezza” che prende il via in questi giorni anche nella cittadina magliese.

Si tratta di un’iniziativa benefica, proposta da un operatore locale, Lorenzo Farì, e sostenuta anche con una campagna di promozione  dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Ernesto Toma. Iniziativa che ha la finalità di raccogliere, per poi donare o mettere a disposizione delle persone meno fortunate, non solo beni di prima necessità  a livello alimentare, ma anche abiti, libri, giocattoli, utensili e oggetti vari.

I cittadini che in questi giorni vorranno, in perfetto anonimato, potranno lasciare, con un atto di pura “gentilezza”, il loro dono presso il muro allestito sotto il porticato del palazzo municipale di piazza Moro. Ciascun dono lasciato appeso al “muro” sarà a disposizione, gratuitamente, di chi, avendone realmente bisogno, vorrà prenderlo per sé.

 “E’ la prima volta che la città di Maglie si confronta con questo tipo di forma di solidarietà” spiegano in coro l’assessore ai Servizi sociali, Maria Grazia Maggiorano, e l’assessore alla Cultura, Roberta Iasella Vilei, entrambe tra le promotrici dell’iniziativa, “a causa dell’emergenza Covid siamo tutti invitati ad aiutarci l’un con l’altro recandoci presso il muro della gentilezza e facendo un silenzioso, ma efficace atto di donazione verso i più bisognosi. Ci attendiamo di vedere il muro della gentilezza pieno della generosità dei magliesi. In questo periodo in cui non ci è consentito incontrarci e abbracciarci donare, gratuitamente e fraternamente, rafforza la cultura del dono: da una parte dà la possibilità a chi dona di regalare un sorriso e dall’altra regala una sensazione di benessere a chi dona”.

La campagna delle donazioni è già partita e dal comune ricordano che anche prevista la possibilità di contribuire con delle donazioni in denaro, così come avviante anche per l’altra iniziativa cittadina “Un dono in più”, utilizzando il conto corrente intestato alla  protezione civile (Iban IT91U0306967845107491701-causale: Muro della gentilezza).

I muri della gentilezza sono iniziative note a livello internazionale come “WallsOfKidness” promosse nel 2005 da un anonimo ideatore che, per primo, ebbe l’idea di fare qualcosa di utile per gli altri. L’idea di utilizzare gli abiti che non si usano più per aiutare i meno abbienti piacque talmente tanto da diffondersi nel mondo al motto “se non ne hai bisogno lascialo, se ne hai bisogno prendilo” includendo ogni articolo di uso quotidiano. L’obiettivo è, naturalmente, quello di mettere a disposizione anche a Maglie gli oggetti inutilizzati, gratuitamente e senza ricevere alcun ringraziamento in cambio, e lasciare che altri, più bisognosi, possano godern

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento