Martedì, 19 Ottobre 2021
Maglie Maglie

Ruba un’auto d’epoca e non si ferma all’alt: inseguito dai carabinieri

Un 26enne di Maglie, già noto alle forze dell'ordine, è finito in carcere per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale

MAGLIE – Ruba un’auto d’epoca: in manette. Nella notte, i carabinieri dell’aliquota radiomobile di Maglie, hanno arrestato Luigi Polimeno, un 26enne del luogo, con svariati precedenti per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti. Il giovane, si è recato a Nociglia, probabilmente accompagnato da un complice, dopo aver individuato una vecchia Fiat 500 (attualmente dal valore che oscilla tra i 3 e gli ottomila euro), è riuscito ad aprirle lo sportello probabilmente con un cacciavite.

Collegando i fili dell’impianto elettrico, è riuscito a metterla in moto fuggendo in direzione Maglie. Giunto all’altezza di Scorrano, però, è stato intercettato da una pattuglia dell’Arma. I militari, oltre ad aver ricevuto la segnalazione dell’auto rubata, hanno riconosciuto immediatamente il conducente, noto per i numerosi precedenti. Gli hanno intimato l’alt, ma il 26enne non si è fermato.POLIMENO LUIGI-2

Ne è nato un breve inseguimento, terminato poco dopo quando Polimeno ha abbandonato l’autovettura a margine della carreggiata. Ed è fuggito a piedi per le campagne circostanti. Le ricerche hanno consentito di rintracciare il giovane nella propria abitazione, ancora sporco a seguito della rocambolesca fuga, e con ferite alla mano destra e al ginocchio. Luigi Polimeno pertanto è stato accompagnato in caserma. A seguito delle formalità di rito, è stato arrestato per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. Su disposizione del pm di turno, è stato accompagnato presso il proprio domicilio, dove è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. In attesa del rito direttissimo, visti i numerosi precedenti del Polimeno, è stata disposta la custodia cautelare in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba un’auto d’epoca e non si ferma all’alt: inseguito dai carabinieri

LeccePrima è in caricamento