Notizie da Maglie

Sfilano i cavi dal parco fotovoltaico: abbandonano refurtiva e kit da scasso

I ladri hanno agito intorno alle 3 della notte, alla periferia di Sternatia. Costretti ad abbandonare la refurtiva e gli strumenti dall’arrivo dei vigilanti

Il campo fotovoltaico "visitato" dai ladri.

STERNATIA – Un tentato furto, la scorsa notte, nell’ennesimo campo fotovoltaico del Salento. È accaduto nelle campagne di Sternatia, alle spalle di una nota sala ricevimenti della zona, non molto distante dalla strada statale 16 che collega Lecce a Maglie. Intorno alle 3, infatti, una banda di malviventi ha manomesso il sistema di allarme installato all’esterno dell’impianto e si è introdotta nell’area recintata.

Hanno sfilato metri e metri di cavi in rame dai pozzetti, ma l’arrivo delle guardie giurate dell’istituto di vigilanza “Fidelpol” ha messo in fuga i ladri. Questi, nella foga del momento, hanno abbandonato sia la refurtiva, poi recuperata subito dopo, sia un paio di giubbotti, torce e attrezzatura varia per lo scasso.789ae94c-2f8b-45a3-99a6-0e3731ec78b8-2

La strumentazione recuperata è stata poi sequestrata dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Maglie, allertati e sopraggiunti per un sopralluogo e la successiva attività investigativa. Le videocamere di sorveglianza installate nell’area, infatti, hanno immortalato l’azione dei malviventi: nonostante l’antifurto fuori uso, infatti, gli “occhi elettronici” sono rimasti vigili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento