Venerdì, 24 Settembre 2021
Maglie Maglie

Pagamenti arretrati per i licenziati di Progetto Vendita. E scatta la protesta

Manifestazione spontanea davanti alla sede di Maglie per reclamare gli stipendi di luglio e agosto. Anche i lavoratori a progetto chiedono una mensilità arretrata e i contributi

MAGLIE - I lavoratori si mettono di traverso ai licenziamenti disposti da Progetto Vendita. E protestano anche contro la chiusura del call center a Gallipoli.

La vertenza è ormai avviata verso la risoluzione del rapporto di lavoro: 113 operatori telefonici (tutti inquadrati con contratto a tempo indeterminato) sono stati rimandati a casa, mantenendo la sola indennità di disoccupazione. La crisi di Progetto Vendita infatti, dovuta alla perdita dell’unico committente del servizio inbound Mediaset Premium, non è più rientrata.

L’azienda ha due sedi: quella di Maglie manterrà gli operatori a tempo indeterminato fino alla fine di settembre. Alla fine, nel call center magliese rimarranno solo i lavoratori a progetto, un centinaio in tutto, e ad una ventina di componenti dell’area staff, come team leader e supervisori.

E proprio a Maglie questa mattina i lavoratori licenziati si sono dati appuntamento per protestare davanti alla sede di Progetto Vendita. Alla base, ovviamente, vi è l’intenzione di salvare in qualche modo i 113 posti di lavoro. Una speranza che ormai sembra riposta in un nuovo soggetto imprenditoriale, operante nel settore delle telecomunicazioni, a quanto pare interessato ad investire a Gallipoli.

Se ne riparlerà il 20 settembre in Regione Puglia, insieme ai sindacati ed alla nuova azienda che potrebbe, se tutto va come sperato, a rilevare una parte dei lavoratori disoccupati.

Oggi, però, c’è un’altra urgenza: quella di reclamare i pagamenti arretrati degli stipendi. L’ultimo accredito è relativo alla mensilità di giugno; poi i lavoratori licenziati non hanno ricevuto più un centesimo.

“E questa è la prima incomprensibile discriminazione – commenta Gianni Bramato della Fistel Cisl-. I colleghi ancora attivi a Maglie, infatti, sono stati regolarmente pagati. Gli operatori licenziati, invece, non hanno ricevuto il pagamento di luglio e agosto e peraltro temono di aver perso quei soldi irrimediabilmente”.

I sindacati, intanto, sono riusciti a contattare l’azienda e discuteranno del problema insieme ai vertici, nel corso di una conference call pomeridiana. “Proveremo a trovare una soluzione con gli amministratori o i rappresentanti di questa società che però, ai nostri occhi, non è molto credibile. I pagamenti delle mensilità di agosto e settembre sono slittati dal 15 agosto al 5 settembre, esigibili il 7, ma di fatto nessuno ha versato niente”, aggiunge Bramato.

“Io capisco che vi siano delle difficoltà economiche in una società, ma non si possono lasciare i dipendenti senza stipendio da giugno – aggiunge il sindacalista -. Prima dei licenziamenti abbiamo dovuto proclamare anche uno sciopero per reclamare i soldi per la benzina; ormai era difficile recarsi persino sul posto di lavoro”.

Gli operatori licenziati dovranno ricevere anche il trattamento di fine rapporto e le competenze mancanti.

Ma a questo problema si aggiunge quello dei colleghi a progetto, rimasti in attesa di ricevere la mensilità di maggio. “Molti di loro reclamano anche il mancato versamento dei contributi: un disagio non da poco, considerato che per questo motivo non possono accedere alla Dis Coll, l’indennità mensile di disoccupazione”, conclude Tommaso Moscara di Slc Cgil.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pagamenti arretrati per i licenziati di Progetto Vendita. E scatta la protesta

LeccePrima è in caricamento