Maglie

Più di sessanta prestazioni in nero, odontoiatra "pizzicato" dalla guardia di finanza

Il professionista, romano, residente in Abruzzo, con uno studio nel Salento, non avrebbe dichiarato 82mila euro, percepiti per visite in vari casi "in nero" o per i quali avrebbe guadagnato importi superiori a quanto fatturato

 

MAGLIE – Cinquantenne, originario di Roma, con residenza all’Aquila e domicilio fiscale nel Salento, a Maglie, per la precisione, dove ha uno studio. Si tratta di un odontoiatra che i militari della tenenza della guardia di finanza della tenenza di Maglie, guidati dal tenente Massimo Graziano, hanno “pizzicato” per evasione fiscale.

La verifica fiscale ha riguardato gli anni d’imposta 2009, 2010 e 2011. Nei confronti dell’odontoiatra, i finanzieri hanno contestato l’omessa dichiarazione di compensi per oltre 82mila euro.

All’atto dell’accesso, i militari hanno individuato e acquisito una corposa documentazione che è stata oggetto di esame e riscontro con i dati registrati nell’impianto contabile formalmente tenuto dal professionista. E’ così emerso che il medico avrebbe effettuato prestazioni odontoiatriche in diversi casi “in nero”, in altri con fatture per importi inferiori rispetto a quanto effettivamente percepito.

Degli 82mila euro incassati e non dichiarati nell’arco dei tre anni, 17mila e 500 deriverebbero, in particolare, da diciassette prestazioni sotto fatturate e i rimanenti 64mila e 500 da sessantotto prestazioni rese “in nero”. 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più di sessanta prestazioni in nero, odontoiatra "pizzicato" dalla guardia di finanza

LeccePrima è in caricamento