Messaggio di vicinanza del sindaco / Porto Cesareo

Altra giornata di ricerche senza esito per il pescatore disperso. In mare anche motopesca e sub

Sono proseguite sino a sera, e poi sospese per il buio, le ricerche di Luigi Peluso uscito per una battuta di pesca e scomparso da giovedì. Alle attività di guardia costiera e vigili del fuoco in ausilio i volontari e le imbarcazioni della marineria locale

PORTO CESAREO – Sono riprese questa mattina e proseguono senza sosta le ricerche del 58enne pescatore di Porto Cesareo, Luigi Peluso, disperso ormai da due giorni. Di lui non si hanno più notizie dal pomeriggio di giovedì, da quando la barca con cui era uscito per una tradizionale battuta di pesca, è stata ritrovata col motore ancora acceso. Ma Peluso non era più a bordo. Non avendo fatto ritorno a casa, i familiari hanno lanciato l’allarme e da venerdì sono partite le attività di pattugliamento, a terra e a mare, lungo tutta la fascia costiera.

I militari della guardia costiera della capitaneria di Gallipoli e i colleghi dell’Ufficio locale marittimo di Torre Cesarea stanno infatti pattugliando coi propri mezzi lo specchio d’acqua antistante il litorale del territorio neretino, tra le località del Frascone e Torre Inserraglio. È plausibile che l’uomo abbia infatti raggiunto di proposito le acque della costa di Nardò per la propria attività di pesca: le correnti, soffiano da sud ed è dunque improbabile che l’imbarcazione sia stata spinta in direzione meridionale

La sala operativa della guardia costiera gallipolina sta coordinando le attività dei mezzi navali impegnati nelle ricerche: oltre al battello e alle motovedette della capitaneria, sono dislocate nella zona anche un gommone della guardia di finanza e il Nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco. Anche nella giornata di oggi si sono alternati anche gli elicotteri della finanza e dei vigili del fuoco per le perlustrazioni aeree.

Le attività di ricerca in mare

Dal pomeriggio si sono intensificate le attività di ricerca e perlustrazione in mare, e a terra, anche con l’ausilio di imbarcazioni turistiche e motopesca della marineria locale e dell’area marina protetta. Capitaneria e vigili del fuoco hanno infatti autorizzato la partecipazione alle ricerche dei volontari e dei pescatori e alcune squadre di professionisti del settore o in possesso di brevetto si  sono organizzate per effettuare delle  immersioni nella zona dove è stato trovato il gozzo a motore del 58enne disperso.

Al momento non sono stati segnalati aggiornamenti. Con il sopraggiungere del buio le ricerche saranno nuovamente sospese e riprenderanno domani mattina. Tutta la comunità cesarina ha manifestato la sua vicinanza e il sindaco Silvia Tarantino, a nome della comunità, ha rivolto un’invocazione e un ringraziamento: “a questo mare noi Cesarini apparteniamo e siamo legati da un rapporto viscerale, di rispetto che più di chiunque solo la gente di mare può comprendere. Questo mare può darci risposte che una famiglia e l'intera comunità attendono con ansia da giovedì sera. Stringiamo tutti forte la speranza di veder tornare a casa Luigi Peluso. Grazie a tutti coloro che stanno partecipando attivamente alle ricerche per terra e per mare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altra giornata di ricerche senza esito per il pescatore disperso. In mare anche motopesca e sub
LeccePrima è in caricamento