Notizie da Nardò

Beppe Grillo a Nardò: "Le istituzioni siamo noi"

Il comico genovese ha tenuto un comizio ieri sera nell´affollatissima piazza Salandra, per sostenere i candidati del "Movimento cinque stelle". No ai rimborsi elettorali, sì ai giovani al potere

Beppe Grillo a Nardò per sostenere il Movimento a cinque stelle
NARDO' - E´ l´avamposto della politica italiana, Beppe Grillo: un soldato in trincea pronto a far saltare gli schemi della partitocrazia per "restituire le istituzioni ai cittadini che non hanno più controllo sui propri dipendenti pubblici".

Più agguerrito che mai, è ritornato nelle piazze di tutta Italia e anche in Puglia, ieri sera a Nardò a sostegno dei candidati per la lista "Movimento cinque stelle"che si ispira ai principi costruiti nel blog del comico più cliccato del web: 21 in tutto che corrono per la poltrona di consigliere comunale, compreso Alfredo Ronzino, l´aspirante sindaco o "portavoce" della cittadinanza, come preferisce definirsi per sgravare il proprio ruolo da quella reverenzialità che non gli appartiene .

"Siete sudditi o cittadini?" ha tuonato dal palco lo showman genovese, come premessa al suo lungo elenco di malefatte compiute dalla casta politica (di destra o sinistra che sia, non importa) raccontate con il consueto eloquio al confine tra l´ironia dissacratrice e quella volgarità che continua a costargli infinite querele.

"La rivoluzione deve partire da noi, da un sano ricambio di sangue al potere - ha continuato - dai giovani di cui si sono accorti tutti troppo tardi". E a chi rimprovera l´inesperienza dei trent´anni, Beppe risponde che l´ingenuità è un "valore aggiunto", è il sintomo della incorruttibilità dei giovani che non hanno ancora imparato a truccare i bilanci delle amministrazioni e a scendere a compromessi con la mafia.

Qual è lo stato di salute della vita pubblica, dunque. Chi ci governa? "Fantasmi, gente venuta dal passato che tenete in piede voi": noi, cioè, cittadini volutamente estranei al linguaggio della politica e noi, i giornalisti "reggimicrofono" che imbavagliano l´informazione con subdoli e complici ritocchi delle informazioni scomode.

Ce ne ha per tutti, Grillo, anche stavolta: si infervora sulla guerra in Libia, decisa a nostra insaputa, sulla rete che nonostante le sue potenzialità di aggregazione di idee e proposte, non trova sviluppo in Italia, sulla speculazione edilizia, sull´acqua pubblica e sul nucleare che, promette, "qui da voi non faranno mai perché glielo impediremo in ogni modo".

E poi ancora: il problema dei migranti divenuto una manna per le future elezioni e quei "fuorilegge al governo" che paradossalmente scrivono le leggi, e che nemmeno quella proposta di legge popolare del 2007 (350 mila firme raccolte dai "meetup" di supporto al movimento, che giacciono dimenticate in Commissione Affari al Senato) è riuscita a stanare.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In segno di coerenza con il principio di pulizia e trasparenza nelle istituzioni, tutte le liste civiche, Nardò compresa, si dicono infine pronte a rinunciare ai rimborsi elettorali: "1 milione e 600 mila euro che pure ci avrebbero fatto comodo" e a quegli stipendi da capogiro da tagliare almeno dell´ ottanta per cento e che bruciano come uno schiaffo in faccia alla crisi reale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento