rotate-mobile
Nardò Nardò

Calcinacci giù da palazzo, nuovo pericolo nel quartiere. Appello ad Arca Sud

Intervento ieri sera a Nardò dei vigili del fuoco e della polizia locale per la messa in sicurezza di uno degli stabili del quartiere San Salvatore. Giuri: “Sbloccare i lavori di risanamento”

NARDO’ - Lavori e interventi straordinari che spesso e volentieri tardano a concretizzarsi e le situazioni di pericolo tornano ad affacciarsi, prepotentemente, dai prospetti e dai balconi della palazzine popolari. La storia si ripete. Anche in quel di Nardò dove nonostante le segnalazioni e le richieste di sollecitazione più volte fatte pervenire agli enti competenti, in piazza Donatori Volontari del Sangue, sono dovuti intervenire le squadre dei vigili del fuoco e la polizia locale per mettere in sicurezza e far transennare l'area a ridosso dei uno dei condomini della zona 167.

Siamo nel quartiere San Salvatore, alla periferia cittadina, dove nella serata di ieri, in seguito all’ondata di maltempo si è verificata la caduta di pericolosi calcinacci dalle facciate di uno degli  stabili di edilizia popolare. Dopo l’intervento dei caschi rossi che hanno rimosso le parti pericolanti l’area prospiciente la palazzina è stata transennata per scongiurare ulteriori pericoli per residenti e passanti. In mattinata un ulteriore intervento sollecitato da Arca Sud è stato compiuto dalla ditta interessata ai lavori di ristrutturazione di alcuni dei lotti che ha provveduto ad rimuovere le ulteriori parti ammalorate.

Da mesi i condòmini e l'amministratore dello stabile, anche con una pec formale inviata ad agosto, chiedono ad Arca Sud un intervento di messa in sicurezza, cui è seguito sino ad oggi il silenzio assoluto fino a questa mattina quando la ditta preposta ha finalmente tolto le parti ammalorate” spiega Pierpaolo Giuri, coordinatore di Difendere Nardò, “dopo l'ennesimo episodio e la solita situazione di pericolo, chiediamo un pronto intervento di risanamento e soprattutto che vengano sbloccati i lavori di ristrutturazione che interessano diversi lotti in zona 167. Grazie all'amministrazione del sindaco Pippi Mellone questi lavori sono stati sbloccati nel 2017 dopo un decennio di attesa vana e oggi sono di nuovo fermi per problemi con la ditta che deve eseguirli”.

“È inammissibile che i residenti di questa zona debbano essere costretti a mettere a repentaglio la propria incolumità” conclude Giuri, “qui ci sono anziani, donne, bambini, lavoratori, che meritano attenzione. Serve a stretto giro un intervento di messa in sicurezza e altrettanto presto la ripresa dei lavori di risanamento e ristrutturazione, perché non è concepibile che mentre la città vede una costante crescita su tutti i fronti, ci sia un quartiere in queste condizioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcinacci giù da palazzo, nuovo pericolo nel quartiere. Appello ad Arca Sud

LeccePrima è in caricamento