Notizie da Nardò

Calcinacci giù da palazzo, nuovo pericolo nel quartiere. Appello ad Arca Sud

Intervento ieri sera a Nardò dei vigili del fuoco e della polizia locale per la messa in sicurezza di uno degli stabili del quartiere San Salvatore. Giuri: “Sbloccare i lavori di risanamento”

L'intervento dei vigili del fuoco

NARDO’ - Lavori e interventi straordinari che spesso e volentieri tardano a concretizzarsi e le situazioni di pericolo tornano ad affacciarsi, prepotentemente, dai prospetti e dai balconi della palazzine popolari. La storia si ripete. Anche in quel di Nardò dove nonostante le segnalazioni e le richieste di sollecitazione più volte fatte pervenire agli enti competenti, in piazza Donatori Volontari del Sangue, sono dovuti intervenire le squadre dei vigili del fuoco e la polizia locale per mettere in sicurezza e far transennare l'area a ridosso dei uno dei condomini della zona 167.

Siamo nel quartiere San Salvatore, alla periferia cittadina, dove nella serata di ieri, in seguito all’ondata di maltempo si è verificata la caduta di pericolosi calcinacci dalle facciate di uno degli  stabili di edilizia popolare. Dopo l’intervento dei caschi rossi che hanno rimosso le parti pericolanti l’area prospiciente la palazzina è stata transennata per scongiurare ulteriori pericoli per residenti e passanti. In mattinata un ulteriore intervento sollecitato da Arca Sud è stato compiuto dalla ditta interessata ai lavori di ristrutturazione di alcuni dei lotti che ha provveduto ad rimuovere le ulteriori parti ammalorate.

Da mesi i condòmini e l'amministratore dello stabile, anche con una pec formale inviata ad agosto, chiedono ad Arca Sud un intervento di messa in sicurezza, cui è seguito sino ad oggi il silenzio assoluto fino a questa mattina quando la ditta preposta ha finalmente tolto le parti ammalorate” spiega Pierpaolo Giuri, coordinatore di Difendere Nardò, “dopo l'ennesimo episodio e la solita situazione di pericolo, chiediamo un pronto intervento di risanamento e soprattutto che vengano sbloccati i lavori di ristrutturazione che interessano diversi lotti in zona 167. Grazie all'amministrazione del sindaco Pippi Mellone questi lavori sono stati sbloccati nel 2017 dopo un decennio di attesa vana e oggi sono di nuovo fermi per problemi con la ditta che deve eseguirli”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È inammissibile che i residenti di questa zona debbano essere costretti a mettere a repentaglio la propria incolumità” conclude Giuri, “qui ci sono anziani, donne, bambini, lavoratori, che meritano attenzione. Serve a stretto giro un intervento di messa in sicurezza e altrettanto presto la ripresa dei lavori di risanamento e ristrutturazione, perché non è concepibile che mentre la città vede una costante crescita su tutti i fronti, ci sia un quartiere in queste condizioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento