Sabato, 12 Giugno 2021
Nardò

Ombre e dubbi sulla morte di Cucchi. Il Comune dispone le bandiere a mezz’asta

La decisione del sindaco Mellone: "Vogliamo onorarne la memoria, in attesa di verità e giustizia sulla sua morte". Richiamato anche il caso del neritino Gregorio Durante

La bandiera a Nardò

NARDO’ – Onorare la memoria a pochi giorni dal settimo anniversario dalla scomparsa e in attesa che le nubi sulle reali cause della morte di Stefano Cucchi si diradino al più presto. Nei giorni in cui il risultato della perizia ha riportato alla ribalta il caso del giovane romano deceduto il 22 ottobre del 2009, una settimana dopo il suo arresto, in circostanze ancora al vaglio di un procedimento giudiziario, il Comune di Nardò lancia un segnale di solidarietà e una richiamo  simbolistico alla sete di verità sul caso nazionale. Il sindaco Pippi Mellone ha disposto questa mattina di porre le bandiere a mezz’asta, quelle che campeggiano all’ingresso delle sede comunale di piazza Cesare Battisti, in onore della giovane vittima. E nel contempo è stata espressa solidarietà e voglia di chiarezza sul caso che ha interesatto anche il giovane neretino Gregorio Durante, morto nel dicembre 2012 anche lui in circostanze tutt’altro che chiarite mentre scontava una pena in carcere.            

“I risultati della perizia hanno riportato alla ribalta mediatica il caso di Stefano Cucchi, purtroppo ancora drammaticamente attuale” spiega in una nota il sindaco Mellone , “a pochi giorni dal settimo anniversario della sua morte, noi vogliamo onorarne la memoria con un gesto piccolo, ma significativo. È stato protagonista di una vicenda su cui questo Paese si gioca una importante fetta di credibilità. Come tutti, abbiamo il dovere di non assumere posizioni preconcette e di non schierarci aprioristicamente dalla parte di chi, complici le circostanze poco chiare della morte, invoca l’omicidio di Stato. Ma è chiaro che non possiamo rinunciare a una più che legittima domanda di verità e giustizia.

“Abbiamo il diritto di sapere come e perché è morto Stefano Cucchi” conclude il primo cittadino, “un fondamentale traguardo di verità che non intacchi minimamente la fiducia che riponiamo nella giustizia e nelle istituzioni italiane. Una battaglia che facciamo e che continueremo a fare anche per il nostro Gregorio Durante, un altro cittadino morto tra le mani dello Stato in circostanze non del tutto note”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ombre e dubbi sulla morte di Cucchi. Il Comune dispone le bandiere a mezz’asta

LeccePrima è in caricamento