rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Da uno a otto anni di divieto / Nardò

Calci, pugni e colpi di cintura ai giocatori durante l’amichevole: Daspo per quattro tifosi

I provvedimenti disposti dal questore di Lecce nei confronti di soggetti ritenuti responsabili dei disordini nel corso di Nardò-Ugento del 19 agosto scorso: un giocatore per sfuggire alla furia aveva raggiunto in autostop Taviano

NARDO’ – Sono stati ritenuti responsabili dei disordini avvenuti lo scorso 19 agosto, durante la gara amichevole di precampionato Nardò-Ugento, i quattro tifosi sottoposti a Daspo, ovvero al divieto di accesso alle manifestazioni sportive, da parte del questore di Lecce nei giorni scorsi.

A notificare i provvedimenti sono stati gli agenti del commissariato di Nardò nei confronti di quattro neretini: per uno di loro il dispositivo avrà valore di otto anni, per due di tre, per uno di un anno. Due dei tifosi risultano già daspati per altri fatti.

Questi i fatti. Il 19 agosto 2023, durante l’amichevole, dopo un’azione di gioco violenta tra le due squadre, nasceva una lite tra due calciatori che, con effetto domino, coinvolgeva tutti gli altri giocatori e i dirigenti sportivi.

Nella circostanza, alcuni tifosi del Nardò, dopo aver invaso il campo, si tuffavano nei tafferugli, sferrando calci e pugni e, usando la cintura dei pantaloni, anche frustate ai danni dei giocatori ugentini. Così, alcuni calciatori, spaventati dalla furia dei suddetti tifosi, scavalcando pericolosamente il muro di cinta dello stadio, fuggivano nelle vie cittadine per trovare rifugio in alcune abitazioni. In un caso particolare, un calciatore, per scampare al pericolo, raggiungeva in autostop la città di Taviano.

Per contenere i disordini, erano state inviate diverse volanti della Polizia di Stato che sedavano gli animi e identificavano i presenti. Le indagini svolte dagli agenti dal commissariato locale, attraverso la visione delle immagini girate durante l’incontro e i tafferugli, permettevano di individuare i quattro responsabili che all’epoca dei fatti sono stati denunciati per scavalcamento e invasione di campo.

La successiva istruttoria della Divisione Anticrimine della Questura di Lecce ha portato all’emissione dei provvedimenti a carico dei 4 soggetti, con durata da 1 a 8 anni, differenziata in base alla gravità e alla reiterazione delle condotte da parte degli stessi, che col loro comportamento hanno messo in pericolo l’ordine e la sicurezza pubblica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci, pugni e colpi di cintura ai giocatori durante l’amichevole: Daspo per quattro tifosi

LeccePrima è in caricamento