Notizie da Nardò

Demolita l'ex falegnameria diventata rifugio dei braccianti stagionali

Eseguita l'ordinanza del sindaco di Nardò. L'immobile era il simbolo del fenomeno che si ripete ogni estate. Si riproporrà ora il problema dell'accoglienza dei lavoratori, spesso sfruttati

NARDO’ – E’ iniziato questa mattina nelle campagne di Nardò l’abbattimento dell’ex falegnameria, diventata negli ultimi anni il simbolo della degradante vita dei braccianti stagionali extracomunitari che raggiungono il Salento per la raccolta della frutta. Il locale, abbandonato e fatiscente, era diventato per molti di loro il rifugio di fortuna, una volta chiusa Masseria Boncuri.

Sull’immobile pendeva da tempo un’ordinanza di demolizione. In diverse occasioni il sindaco Marcello Risi aveva nel frattempo ordinato lo sgombero per le oggettive condizioni di pericolo e per l’assoluta mancanza d’igiene. Nonostante fosse stata “sigillata” per scoraggiare l’ingresso, lo scorso anno il muro di protezione era stata abbattuto e l’immobile occupato ancora una volta.

Con l’estate alle porte e una prevedibile nuova ondata di arrivi, per un fenomeno sul quale negli ultimi anni si sono accesi i fari della Procura (diverse le indagini, scaturite dalla lotta al caporalato, ma anche per via di alcuni decessi dovuti alle condizioni di lavoro a volte disumane), rischia di riproporsi il problema dell’accoglienza, stratificato a quello di uno sfruttamento che persiste, nonostante siano stati fatti alcuni importanti passi in avanti anche grazie all’interessamento dei sindacati.

Alle operazioni di smantellamento con le ruspe, che nascono su input del primo cittadino, stanno presenziando gli agenti di polizia del commissariato di Nardò. Non ci sono state situazioni di tensione, tuttavia diversi migranti che già avevano trovato alloggio ora non hanno un luogo dove andare.  

L’articolo completo nelle prossime ore

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento