Sabato, 24 Luglio 2021
Nardò

Novanta chili di fuochi d’artificio nel sottoscala. Nei guai un 53enne

Un uomo di Nardò è stato denunciato dai militari dell'Arma per detenzione abusiva di prodotti pirotecnici. Aveva nascosto nella propria abitazione un ingente quantitativo di botti, da rivendere ai clienti. Tutto il materiale, custodito in scatole di cartone, è finito sotto sequestro

I carabinieri con il materiale sequestrato

NARDO’ – In  vista del Capodanno si era attrezzato per bene, mettendo su un commercio illegale di botti di ogni genere. Ma un 53enne di Nardò è finito nei guai, con l’accusa di detenzione abusiva di prodotti pirotecnici.  I carabinieri della stazione di Nardò hanno proceduto, infatti, alla denuncia, in stato di libertà, dii un uomo del posto, sorpreso con del materiale che una notevole quantità di fuochi d’artificio: circa 90 chilogrammi.

Si tratta del gestore di un bar della cittadina, sospettato di strani movimenti presso la sua abitazione per via di quell’andirivieni di persone alle quali avrebbe anche consegnato delle scatole. Quest’ultimo elemento ha insospettito ulteriormente i militari dell'Arma i quali hanno fatto scattare il controllo. Il 53enne era, infatti ,alle prese  con la consegna di fuochi d'artificio.

Nella sua abitazione, all’interno del sottoscala, erano stipate grandi scatole contenenti i prodotti pirotecnici di vario tipo che, nonostante siano considerati singolarmente legali, diventano illeciti vista la quantità. Mentre il materiale è stato sequestrato e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria, l’uomo è stato deferito perché privo di regolare licenza per la detenzione di quel materiale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novanta chili di fuochi d’artificio nel sottoscala. Nei guai un 53enne

LeccePrima è in caricamento