Notizie da Nardò

Ladri di notte nella pescheria: secondo furto in 24 ore a Nardò

L’episodio intorno alle 2, in via Alessandro Volta. I malviventi hanno arrecato diversi danni a infisso e vetro, per poi arraffare il cassetto del registratore di cassa. Sul posto, vigilanti di un istituto privato e commissariato locale

L'esercizio colpito nella notte.

NARDÒ – Secondo furto in 24 ore a Nardò. Dopo la spaccata ai danni dell’area di servizio “Men8”, i ladri colpiscono anche una pescheria nel centro abitato della cittadina. È accaduto la scorsa notte, intorno alle 2, in via Alessandro Volta dove i malviventi hanno preso di mira l’esercizio, arrecando danni ingenti.

Dopo aver danneggiato visibilmente gli infissi del locale che ospita l’attività, i ladri hanno mandato in frantumi un vetro e sono riusciti in questo modo ad accedere all’interno. Una volta dentro, si sono diretti al cassetto del registro di cassa, che hanno sfilato e “ripulito”. Non è dato sapere quanto denaro vi fosse custodito: è ancora in fase di quantificazione.

La rivendita di pesce non è dotata di un sistema di allarme collegato a una centrale operativa ma, poco dopo, è passata di lì, per caso, la pattuglia di un istituto di vigilanza privato "Cosmopol" che ha allertato sia il proprietario, sia le forze dell’ordine. Sul posto, per rilievi e indagini, gli agenti di polizia del commissariato neretino. Stando ai primi riscontri nelle mani della polizia sembrerebbe che, ad agire, possa essere stato un individuo, poi fuggito in sella a uno scooter, forse aiutato da uno o più complici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Anziana madre non ha sue notizie da giorni e chiede aiuto: 49enne trovato senza vita

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

Torna su
LeccePrima è in caricamento