menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Il Tar boccia il ricorso: via al nuovo stabilimento balneare a Santa Caterina

La sentenza di questa mattina chiarisce per la prima volta i rapporti tra i Piani delle coste comunali e quelli regionali. Respinto il ricorso della società concorrente

NARDO’ – Il Tar di Lecce boccia un altro ricorso e ribadisce la legittimità della gara del Comune di Nardò per un nuovo stabilimento balneare a Santa Caterina. Nei giorni scorsi, una sentenza del Tribunale amministrativo di Lecce aveva rigettato il ricorso promosso dalla “I.S.C. s.r.l. - Santa Caterina Resort” per l’annullamento della gara per il rilascio di una nuova concessione demaniale marittima, per poter realizzare una struttura nella marina ionica.

Questa mattina, però, il Tar ha emesso un’altra sentenza, “bocciando” il ricorso promosso da un’altra concorrente, la “Kiapparo Beach Club s.r.l.s”., per l’annullamento della stessa gara. Quest’ultima pronuncia, però, riveste particolarmente importanza, in quanto chiarisce per la prima volta i rapporti tra i Piani delle coste, approvati in via definitiva dai Comuni, ed il Piano coste della Regione Puglia. Nel 2016 il Comune di Nardò, ha pubblicato una gara alla quale hanno partecipato diversi concorrenti. Nel marzo 2018, a seguito delle valutazioni espresse dalla commissione esaminatrice, la gara è stata aggiudicata dalla “New Eden s.r.l.”, per il punteggio più elevato e poiché meglio rispondente ai criteri di preferenza della gara.

La “Kiapparo Beach Club s.r.l.s.”, classificatasi quinta in graduatoria, ha impugnato dinanzi al Tar di Lecce l’aggiudicazione, chiedendone l’annullamento: a suo avviso, la “New Eden s.r.l.” andava esclusa dalla gara, perché lo stabilimento balneare che aveva proposto era conforme solo al Piano delle coste di Nardò e non anche al Piano regionale delle Coste, poiché prevedeva strutture ombreggianti aventi una superficie maggiore di quella consentita. Nel giudizio, la “New Eden s.r.l.”  è stata difesa dagli avvocati Paolo Gaballo e Alberto Durante, che hanno sostenuto l’infondatezza del ricorso della concorrente poiché lo stabilimento balneare della propria assistita era conforme al Piano delle Coste approvato in via definitiva dal Comune e ritenuto dalla Regione compatibile col Piano Regionale. 

Questa mattina il Tar Lecce ha respinto il ricorso della “Kiapparo Beach Club s.r.l.s.”, confermando la legittimità dell’aggiudicazione disposta in favore della New Eden s.r.l.. In particolare, la prima sezione, ha ritenuto legittimo lo stabilimento balneare della New Eden s.r.l., perché conforme al Piano Coste di Nardò, che può modificare i parametri edilizi in relazione alle caratteristiche concrete del territorio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento