menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un fotogramma estratto dalla fototrappola.

Un fotogramma estratto dalla fototrappola.

Fototrappole ancora implacabili nelle marine. Altre 26 multe contro gli incivili

Prosegue l’azione di contrasto della polizia locale di Nardò. Verbali per 1500 euro. Rifiuti lasciati fuori dai bidoni anche se vuoti e capienti

NARDO’ – L’occhio vigile e severo delle fototrappole piazzate nei punti sensibili delle marine neretine colpisce altri 26 trasgressori responsabili di abbandono improprio e indiscriminato di rifiuti. L’azione di contrasto alle violazioni in materia di tutela ambientale portata avanti dal comando di via Crispi della polizia locale di Nardò, va avanti.

Come già avvenuto nel recente passato anche tra i mesi di aprile e maggio le apparecchiature elettroniche in dotazione al corpo dei vigili hanno beccato diverse decine di trasgressori ai quali, dopo l’identificazione, sono stati inviati anche i verbali di contestazione per le violazioni alla normativa nazionale e locale in materia ambientale. Le multe elevate sono state pari a quasi 1.500 euro. Le fototrappole dotate di ampia memoria rimovibile e di sensori notturni si stanno rivelando quindi un validissimo alleato nel contrasto agli incivili e ai comportamenti dannosi per l’ambiente e il paesaggio, consentendo in molti casi e piuttosto facilmente di risalire anche all’identità di chi trasgredisce.

Singolari anche alcune situazioni che sono state immortalate dai dispositivi elettronici e passate poi al vaglio degli agenti guidate dal comandante, Cosimo Tarantino. C’è stato un caso su tutti rilevato dai vigili in cui il trasgressore, in pieno giorno e in una zona discretamente trafficata nella marina di Santa Maria al Bagno, è giunto con la propria autovettura nei pressi dei bidoni per la raccolta e una volta sceso dal fototrappole 14-2mezzo e controllato all’interno del contenitore, nonostante questo fosse vuoto e quindi capiente, ha deciso ugualmente di scaricare alcuni cartoni, pieni di rifiuti e  materiale vario. In un altro caso, due persone giunte con la propria macchina nei pressi dei bidoni, dopo aver scaricato alcuni oggetti piuttosto ingombranti, tra cui un divano, dopo essersi guardati intorno e probabilmente insospettiti da qualcosa o magari avendo compreso di essere filmati dalle fotio trappole, hanno poi deciso di rimettere tutto il materiale in macchina e abbandonare il posto.

“Di concerto con l’assessorato all’Ambiente e con l’assessore Natalizio” commenta l’assessore alla polizia locale Ettore Tollemeto “stiamo contrastando gli incivili in tutte le aree sensibili del territorio, grazie al supporto del controllo remoto e al lavoro incessante degli uomini del comandante Tarantino. Sebbene il fenomeno sia di proporzioni enormi e individuare tutti i trasgressori sia impossibile, sono tantissimi infatti quelli che, anche perché evasori della Tari, hanno la pessima abitudine di abbandonare i rifiuti in modo indiscriminato e addirittura ai piedi dei bidoni. Inspiegabilmente, visto il servizio gratuito offerto da Bianco Igiene Ambientale per il ritiro e lo smaltimento degli ingombranti. Una cosa è certa, i controlli proseguiranno serrati e non ci saranno nessuna tolleranza e nessuna tregua per chi oltraggia l’ambiente”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento