Notizie da Nardò

Incarico dirigenziale a tempo: il vice presidente del consiglio presenta esposto

Venti di polemica al Comune di Nardò: sarebbe stata aggirata e forzata la procedura di reclutamento nella pubblica amministrazione

Il Comune di Nardò.

NARDÒ – Il vice presidente del consiglio comunale di Nardò, Giancarlo Marinaci, ha presentato un esposto sulla vicenda dell’incarico dirigenziale attribuito dal sindaco di Nardò, Pippi Mellone, a un funzionario comunale con decorrenza a partire dal 1 di agosto.

A magistratura, Corte dei Conti, Autorità anticorruzione, prefetto di Lecce e revisori comunali, viene chiesto di verificare la legittimità del conferimento. Secondo lo scrivente sarebbe estata elusa o quantomeno forzata la procedura di reclutamento nella pubblica amministrazione, ma anche aggirata la giurisprudenza amministrativa e quella costituzionale.

Marinaci sottolinea come l’avviso pubblico per l’incarico di dirigente a tempo determinato extra dotazione organica abbia escluso i dirigenti in servizio, gli aspiranti esterni e anche gli altri numerosi funzionari di categoria D. In pratica ci sarebbe stato un bando su misura.

Nel suo esposto, il vice presidente del consiglio comunale precisa che “sia lo Statuto comunale che il Regolamento sull’Organizzazione degli Uffici e dei Servizi non prevedono il conferimento di incarichi dirigenziali, ancorché temporanei, a dipendenti comunali di categoria D1, in linea peraltro, con quanto più volte sentenziato dalla Suprema Corte di Cassazione, per la quale nell’ambito del Pubblico Impiego contrattualizzato il conferimento di mansioni dirigenziali ad un funzionario direttivo è illegittimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto sopra sarebbe confermato dalla Corte Costituzionale per la quale “nessun dubbio può nutrirsi in ordine al fatto che il conferimento di incarichi dirigenziali nell’ambito di un’amministrazione pubblica debba avvenire previo esperimento di un pubblico concorso, e che il concorso sia necessario anche nei casi di nuovo inquadramento di dipendenti già in servizio. Anche  il passaggio ad una fascia funzionale superiore comporta  l’accesso ad un nuovo posto di lavoro corrispondente a funzioni più elevate ed è soggetto, pertanto, quale figura di reclutamento, alla regola del pubblico concorso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento