menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ingabbiata la fontana del Toro di piazza Salandra: partono lavori di restauro

Iniziati gli interventi di manutenzione straordinaria di uno dei simboli identitari di Nardò eretto nel 1930 in concomitanza dell’inaugurazione della conduttura dell’Acquedotto pugliese

NARDO’ - Ingabbiato uno del simboli indentitari della cittadina di Nardò, la fontana del Toro di piazza Salandra, che ha appena compiuto i suoi primi novant’anni dalla sua realizzazione (l’opera è nata per celebrare le origini di Nardò, che secondo la leggenda fu fondata lì dove un toro, scavando il terreno con lo zoccolo, fece sgorgare l’acqua). Si tratta ovviamente dei ponteggi necessari alle opere di restauro che sono stati avviati in questi giorni dopo l’annuncio da parte dell’amministrazione comunale del sindaco Pippi Mellone.      

Uomini e mezzi della ditta Vitale Restauri di Nardò, che lavoreranno sul progetto degli architetti Giovanni De Cupertinis e Katja Maaria Huovinen, sono impegnati nel restituire antica dignità scultorea e funzionalità a uno dei simboli della città, motivo identitario e d’orgoglio per generazioni di neretini. Le opere di manutenzione straordinaria sono state avviate con una pulitura delle superfici, poi con una serie di azioni mirate di consolidamento superficiale e stuccatura (previa rimozione delle parti ammalorate), quindi con operazioni di riadesione e protezione.

Per quanto riguarda l’impianto idrico, verrà ripristinato il circuito originario che immette l’acqua nella vasca centrale superiore e verranno sostituite le tubazioni danneggiate (compresi gli ugelli per il getto proveniente dalle teste di medusa). È previsto anche il rifacimento dell’impianto d’illuminazione non più funzionante con l’installazione di apparecchi a led ad immersione. Infine, a lavori conclusi, sarà stilato un organico programma di manutenzione riguardante la pulizia della vasca, la revisione delle superfici e l’ispezione dell’impianto idrico e dell’impianto elettrico. Una delle due anfore del prospetto, circa un anno fa, è stata lievemente danneggiata da alcuni adolescenti ed è tuttora sottoposta a restauro.

“Come abbiamo promesso in occasione del suo novantesimo compleanno” ricorda il sindaco Pippi Mellone, “la fontana del Toro torna all’antico splendore, recuperando dignità e decoro. I lavori sono iniziati, con il parere favorevole della Soprintendenza, che ringrazio per la consueta disponibilità, e adesso non vediamo l’ora che finiscano”

La fontana monumentale del Toro di piazza Salandra fu realizzata nel 1930, su disegni e modello dello scultore Michele Gaballo, e consegnata alla città in concomitanza dell’inaugurazione a Nardò della conduttura dell’Acquedotto Pugliese. Si decise di collocarla addossata al transetto della chiesa di San Domenico, rimasto spoglio a seguito dell’abbattimento di alcune botteghe compiuto qualche anno prima. Da allora, la fontana, unitamente a otto fontanine in ghisa installate negli stessi giorni, distribuisce acqua pubblica per tutti i cittadini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento