menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Impiegati in nero quasi la metà dei lavoratori. Nei guai finisce un ristoratore

Su 19 dipendenti di una trattoria di Nardò, soltanto 11 erano stati regolarmente assunti. I controlli delle fiamme gialle sono scattati in estate, avviando le indagini su ruoli ricoperti e orari giornalieri. L'imprenditore è stato segnalato all'Agenzia delle entrate e all'Ufficio ispettorato del lavoro

NARDO’ – La verifica, capillare, è stata avviata nel periodo estivo e ha portato alla scoperta di otto lavoratori in nero, su 19 impiegati totali. E’ accaduto in un ristorante e pizzeria del centro di Nardò, dove i militari della guardia di finanza della compagnia di Gallipoli hanno concluso, nei giorni scorsi, un controllo fiscale.

Dopo aver ascoltato tutti i lavoratori, infatti, gli uomini delle fiamme gialle, coordinati dal capitano Francesco Mazza, è emersa una serie di irregolarità relative alle assunzioni dei dipendenti. Alcuni di loro, infatti, quasi il 50 per cento, erano stati impiegati senza una forma legale di contratto. I militari hanno ricostruito, nel corso dei mesi, le mansioni ricoperte dal gruppo e chiarito l’orario di lavoro giornaliero.

Successivamente all’intervento delle fiamme gialle, l’imprenditore, un uomo del posto,  ha provveduto a regolarizzare fiscalmente la posizione dei dipendenti e a versare nelle casse dello Stato le relative ritenute non operate e non versate a partire dalla data in cui gli stessi avevano dichiarato di aver iniziato a prestare la propria manodopera. Le violazioni constatate in materia lavorativa saranno comunque comunicate agli uffici competenti, Agenzia delle entrate e Ufficio dell'Ispettorato al lavoro, per i provvedimenti conseguenti.

La legge, infatti, prevede, per ogni singolo lavoratore non regolarmente assunto, scatti una sanzione che può variare dai mille e 500 euro 12mila ciascuno. Oltre a una somma di 150 euro per ogni giornata lavorativa prestata, più un eventuale provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento