Nardò

Nuova bonifica nelle scuole. Ripulito il deposito esterno di piazza Umberto I

Dopo anni di abbandono rivive l’area accanto all’edificio scolastico. Erano accatastati arredi, plance e suppellettili

NARDO’ - Prosegue l’azione di bonifica e di controllo dei locali di pertinenza delle scuole cittadine o che si ritrovano nelle immediate vicinanze degli istituti comunali frequentati dai piccoli alunni di Nardò. Dopo il caso dell’edificio di via Marzano, sede del 3° polo, con la sospensione delle lezioni, la derattizzazione e disinfestazione degli ambienti, e lo sgombero dei locali della ex palestra, in questi giorni su disposizione del sindaco Pippi Mellone e dell’amministrazione comunale è stato ripulito, dopo anni di abbandono, anche il deposito di materiali, mezzi e oggetti in disuso che sorge nei pressi dell’edificio scolastico di piazza Umberto I.         

Banchi, mobili e arredi, plance e suppellettili ormai inservibili e persino rifiuti che da anni giacevano nell’area adiacente all’istituto scolastico (e che, di fatto, avevano reso lo spazio inutilizzabile e pericoloso) sono stati finalmente rimossi. Grazie ad un intervento deciso dall’amministrazione comunale ed eseguito dagli operatori della ditta Bianco igiene ambientale, l’area è stata completamente sgombrata e bonificata e quindi è tornata nella disponibilità della scuola. Ripristinata, quindi, dopo molto tempo, una situazione di normalità e anche le minime condizioni di sicurezza e di salubrità ambientale. Dopo il caso della palestra di via Marzano (per anni divenuta deposito di arredi scolastici, suppellettili e rifiuti di ogni genere e quindi anche habitat naturale per i topi), ripulita con un intervento agli inizi di ottobre, è stato posto rimedio ora ad un’altra situazione di rischio per l’incolumità e la salute degli studenti, degli operatori scolastici e dei residenti della zona. 

“Stiamo tirando fuori la città dalle macerie” commenta il vicesindaco Oronzo Capoti, “perché non c’è immagine migliore per una situazione come quella che abbiamo trovato. C’era molto materiale nemmeno appartenente all’istituto scolastico e inspiegabilmente accumulato lì, a pochi metri dalle aule e dai bambini. Un angolo completamente dimenticato, impossibile da utilizzare e soprattutto pericoloso, di fatto una discarica in pieno centro cittadino”. L’area del deposito nel perimetro dell’edificio scolastico di piazza Umberto fu teatro qualche anno addietro (esattamente il 6 gennaio del 2012 poco prima del rientro a scuola dopo le festività natalizie) del crollo del muro di cinta, sgretolato sulle auto in sosta lungo via Pisanelli, a causa del forte vento e del peso delle plance ammassate.                                                           

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova bonifica nelle scuole. Ripulito il deposito esterno di piazza Umberto I

LeccePrima è in caricamento