Giovedì, 17 Giugno 2021
Nardò

Travolto dall'inchiesta per molestia sessuale, il parroco rimette il suo incarico

Don Quintino De Lorenzis, 34enne, originario di Alliste, lascia la chiesa di San Gerardo Maiella. Il vescovo della diocesi Nardò-Gallipoli, monsignor Domenico Caliandro, ha accettato la decisione. "Confidiamo nella magistratura"

Foto LeccePrima, tutti i diritti riservati.

 

NARDO’ - Don Quintino De Lorenzis, 34enne, originario di Alliste, ha lasciato il suo incarico di parroco della chiesa di San Gerardo Maiella di Nardò. Il vescovo della diocesi Nardò-Gallipoli, monsignor Domenico Caliandro, ha accettato la decisione, che giunge a seguito della notizia del suo rinvio a giudizio, per accuse particolarmente pesanti, di violenza sessuale nei confronti di un marocchino 24enne. “Sconcerto e profondo dolore per la notizia del rinvio a giudizio”, sono le sensazioni provate ed espresse pubblicamente dal vescovo, in una nota.

“La vicenda che tanto clamore ha destato negli organi di stampa - afferma - rappresenta una grave prova per il parroco, colpito e offeso nella sua dignità personale e onorabilità sacerdotale dalle accuse, così infamanti e ancora tutte da provare”. C’è quindi solidarietà, da parte della comunità parrocchiale, e fiducia nell’operato della magistratura, affinché si chiariscano i contorni della vicenda. L’auspicio di monsignor Caliandro è che “la vicenda giudiziaria possa concludersi nel più breve tempo possibile, dimostrando la totale estraneità ai fatti e tutelando l'onorabilità del sacerdote chiamato in giudizio”.

“Alla Curia Vescovile, infatti – conclude la nota - non è mai pervenuta alcuna segnalazione o denuncia da parte di fedeli circa eventuali comportamenti disdicevoli o immorali di don Quintino. Al contrario, si ricorda che il suddetto sacerdote è stato sempre conosciuto come presbitero esemplare, generoso nell'impegno pastorale e vicino ai bisognosi”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travolto dall'inchiesta per molestia sessuale, il parroco rimette il suo incarico

LeccePrima è in caricamento