Sabato, 18 Settembre 2021
Nardò Nardò

Pista ciclabile dalle Quattro Colonne a Santa Caterina. Il Credito sportivo anticipa i fondi

L’Istituto ha approvato il progetto del Comune di Nardò ed ha concesso un mutuo di quasi 3 milioni di euro per la realizzazione della rete ciclabile che collegherà le due marine

Il progetto della pista ciclabile.

NARDO’ - Dall’annuncio delle scorse settimane alla fattibilità concreta per la realizzazione della pista ciclabile che collegherà le due marine principali di Nardò. L’Istituto per il Credito sportivo infatti ha ammesso a finanziamento il progetto per la realizzazione di una pista ciclabile di collegamento tra la località delle Quattro Colonne di Santa Maria al Bagno con la marina di Santa Caterina. L’istituto ha già trasferito alla tesoreria del Comune la somma di 2 milioni e 990 mila euro, il contributo necessario alla realizzazione dell’opera, che l’ente restituirà tramite un vantaggioso mutuo a tasso zero per i primi quindici anni e a tasso agevolato per i restanti dieci. Il progetto era stato presentato dall’amministrazione comunale del sindaco Pippi Mellone nell’ambito dell’avviso pubblico per il finanziamento di piste ciclabili “Sulla buona strada-Comuni in pista”, frutto di un accordo siglato da Anci, Federazione ciclistica italiana e, appunto, l’istituto per il Credito sportivo.

Il progetto, redatto dall’ingegnere Angelo Chirilli, dovrà ora affrontare una lunga trafila e sarà prima sottoposto alla valutazione di Soprintendenza, Demanio marittimo e Autorità di bacino per il rilascio dei rispettivi pareri. Si passerà poi al recepimento delle eventuali prescrizioni e alla stesura del progetto esecutivo, che la giunta comunale dovrà approvare. Infine, si procederà con i bandi di gara e l’avvio del cantiere, previsto dopo l’estate 2019. La pista ciclabile delle marine coinciderà con la striscia viaria che parte da un’area in via Edrisi che l’amministrazione destinerà a parcheggio (lungo la salita che da Santa Maria al Bagno porta a Mondonuovo, naturale punto di scambio e quindi di partenza della pista), percorrerà il tratto di lungomare dalla località Quattro Colonne fino al piazzale “Belvedere” di via Cantù a Santa Caterina, per una lunghezza totale di oltre tre chilometri.pista ciclabile lungimare 2-2

Nello specifico, il progetto ha spezzettato idealmente la pista ciclabile in quattro segmenti: il primo scendeerà da via Edrisi fino all’incrocio con il lungomare, proprio a ridosso delle Quattro Colonne, dove è prevista una rotatoria in grado di disciplinare l’enorme mole di traffico di questo snodo viario cruciale per le marine neretine; il secondo segmento parte da questa rotatoria e confluisce nella piazzetta di Santa Maria al Bagno; il terzo comprende il lungomare che unisce le marine di Santa Maria al Bagno e Santa Caterina, cioè via Emanuele Filiberto (fino all’incrocio con via Fumarola); il quarto segmento della pista ciclabile è un tratto promiscuo pedonale e ciclabile coincidente in parte con la zona a traffico limitato di Santa Caterina e che giunge sino al piazzale destinato a parcheggi di via Cantù. “Siamo estremamente soddisfatti” dice il consigliere delegato alla mobilità sostenibile e al cicloturismo Marcello Greco, “perché oggi abbiamo la certezza di poter concretizzare un sogno, quale quello della pista ciclabile sul nostro lungomare. Uno splendido corridoio percorribile in bicicletta e guardando il mare che consentirà di fare un autentico salto di qualità alle nostre marine. Peraltro, con l’imminente cantierizzazione di Ciclonardò, la rete dei percorsi ciclabili della città in ambito urbano ed extraurbano di oltre 14 chilonetri, e con la nuova Ztl presidiata dai varchi elettronici, a Nardò l’utilizzo della bicicletta diventerà un fatto naturale, a vantaggio dell’ambiente e della qualità della vita di tutti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pista ciclabile dalle Quattro Colonne a Santa Caterina. Il Credito sportivo anticipa i fondi

LeccePrima è in caricamento