rotate-mobile
La sezione del Polo 2 / Nardò

Riqualificazione e adeguamento per la scuola dell’infanzia di via Torino: sei mesi di lavori

Partono i nuovi interventi di edilizia scolastica per l’edificio che ospita il plesso “Montessori” che sarà interessato da opere di messa in sicurezza e restyling. Il Comune utilizza i 625 mila euro del fondo specifico concessi dalla Regione Puglia

NARDO’ – Partono nuovi interventi di edilizia scolastica in quel di Nardò per l’edificio che ospita il plesso della scuola dell’infanzia “Montessori” di via Torino legato all’istituto comprensivo e del Polo 2 di via Pilanuova e via Manieri. Nella giornata di ieri l’immobile scolastico è stato consegnato alla ditta “Miccoli” di Salice Salentino per un intervento di messa in sicurezza e riqualificazione.

Com’è noto, a questo scopo il Comune di Nardò ha ottenuto un finanziamento di 625 mila euro del fondo per l’edilizia scolastica della Regione Puglia per interventi sulle scuole dell’infanzia del territorio regionale.

L’immobile risale ai primi anni ’90, ospita tre classi di scuola dell’infanzia dell’istituto comprensivo Polo 2 e presenta problematiche di diverso tipo. Alcune murature sono interessate dal distacco di intonaci e da risalita di umidità, la pavimentazione risulta danneggiata in più punti e il solaio soggetto a infiltrazioni. Le persone diversamente abili non hanno servizi igienici dedicati, hanno difficoltà ad accedere alla struttura e a fruire dell’area esterna. Gli impianti sono vecchi e con alcuni dispositivi danneggiati. 

“Siamo intervenuti e stiamo intervenendo su dodici immobili scolastici sui quindici complessivi della nostra città” puntualizza il sindaco Pippi Mellone, “avendo ereditato un patrimonio scolastico in disfacimento dove ogni giorno i nostri ragazzi rischiavano la salute e perfino la vita. Entro fine anno anche la scuola di via Torino sarà riconsegnata ai nostri bambini, alle famiglie, al personale e agli operatori scolastici”.

Il progetto prevede la realizzazione di un bagno per persone diversamente abili al piano terra, l’adeguamento degli impianti alla normativa vigente, il risanamento e la tinteggiatura delle murature, il rifacimento dei pavimenti, la realizzazione di una rampa esterna per le persone diversamente abili, la sostituzione di porte e infissi, l’isolamento del lastricato solare, la realizzazione del cappotto esterno su tutti i prospetti dell’edificio, la realizzazione di una pensilina esterna in corrispondenza dell’ingresso. La durata prevista per l’intervento è di sei mesi.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riqualificazione e adeguamento per la scuola dell’infanzia di via Torino: sei mesi di lavori

LeccePrima è in caricamento