Nardò

Rissa da saloon con cazzotti e sedie volanti. Bar danneggiato e quattro arresti

Un giovane di 24 anni è rimasto ferito al volto in modo piuttosto serio: è stato aggredito senza motivo. Anche il titolare ha riportato qualche conseguenza, cercando di fermare alcuni tunisini che se le stavano dando di santa ragione. Tutto questo nei pressi del Teatro comunale

NARDO’ – Urla, liti e botte da orbi, con tanto di aggressione a un malcapitato avventore, finito in ospedale, e pure al titolare del bar, che se l’è cavata per sua fortuna con poco. Almeno dal punto di vista delle ferite. Perché il locale ha subito evidenti danni.

In quattro sono finiti in manette dopo una notte di follia nel pieno centro di Nardò. Sono tutti tunisini, in regola con il permesso di soggiorno, domiciliati nella stessa cittadina, dove di solito lavorano in ambito agricolo, e che adesso dovranno giustificarsi di fronte a un giudice per quanto avvenuto. Nei guai sono finiti Achraf Hassine, 21enne, Bilel Baazaoui, 30enne, Ali Ben Chehima, 41enne e Naceur Khalifa, anch’egli di 41 anni. Gli ultimi due, peraltro, anche già noti alle forze dell’ordine.

Ad arrestarli sono stati gli agenti di polizia delle volanti del commissariato locale. E’ qui che, intorno alle 2 di notte, è arrivata per telefono un’animata richiesta di soccorso. Dall’altro capo c’era il titolare del bar di corso Vittorio Emanuele II che sorge di fronte al Teatro comunale.

Gli agenti sono arrivati in pochi minuti, trovando i nordafricani ancora sul posto, tutti e quattro piuttosto agitati, e una situazione che avrebbe potuto ricordare una rissa da saloon in qualche film Western: persone ferite e sanguinanti (tunisini inclusi), vetri infranti e suppellettili spaccate.

Per prima cosa, i poliziotti hanno dovuto ristabilire la calma. Dopodiché, i presenti sono stati tutti invitati a proseguire la discussione all’interno degli uffici del commissariato. Qui sono ricostruiti i fatti, in seguito ai quali per i quattro stranieri sarebbero di lì a poco scattate le imputazioni di lesioni gravi e danneggiamento aggravato in concorso.

La storia, dunque, a quanto pare ha avuto inizio intorno alle 22, quando i tunisini si sono accomodati ai tavoli esterni del bar, iniziando a trincare alcolici come fosse acqua fresca, tanto che all’una di notte, dopo l’ennesimo sorso, è scoppiata chissà come e chissà perché, fra loro stessi, una di quelle liti amplificate a dismisura proprio dalla sbornia.

Il guaio è che un giovane di 24 anni che si trovava all’interno del bar, richiamato dalle grida, ha posto il naso fuori per capire cosa stesse accadendo. L’avesse mai fatto: senza alcun motivo, suo malgrado, è finito in mezzo al turbine, beccandosi una sedia di plastica in pieno volto e iniziando a sanguinare. A quel punto, non ha potuto fare altro che sfuggire alla furia incontrollabile chiudendosi nel bagno.

Il proprietario del bar, a sua volta, è stato aggredito quando s’è frapposto in modo temerario fra i quattro, che nel frattempo se le stavano suonando fra loro, per cercare di calmarli e quindi di limitare i danni. Ha dovuto anch’egli fare una sorta di slalom per sottrarsi a calci, pugni e oggetti volanti, chiudendo la porta del bar dietro di sé per isolarsi dai facinorosi rimasti all’esterno. I quali, però, hanno tentato di entrare colpendo a ripetizione la porta e mandando in frantumi il vetro.

E’ stato in questi frangenti che, per fortuna, è arrivata la polizia, la quale nel frattempo era già stata avvisata. Il pm di turno, Massimiliano Carducci, ha disposto l’arresto per i quattro, non prima però che fossero medicati per alcune lesioni alle mani, guaribili dai cinque ai sette giorni. Sono stati posti ai domiciliari.

Il 24enne neretino è stato quello che ha subito le conseguenze peggiori, perché, trasportato presso l’ospedale “Sacro Cuore” di Gallipoli, gli sono state diagnosticate una frattura del setto nasale ed escoriazioni multiple, con prognosi di venticinque giorni. Il titolare del bar, invece, si è riservato di sottoporsi alle cure mediche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa da saloon con cazzotti e sedie volanti. Bar danneggiato e quattro arresti

LeccePrima è in caricamento