Lunedì, 15 Luglio 2024
Pd contesta criteri e zone scelte / Nardò

Stalli gialli gratuiti per i residenti delle marine, domande entro il 15 luglio. Critiche dall’opposizione

Ci sarà tempo sino a lunedì per richiedere il pass per la sosta negli stalli gialli solo per i residenti delle marine di Santa Maria al Bagno e Santa Caterina. Le aree in esubero e non assegnate torneranno libere per tutti

NARDO’ – Dopo l’annuncio e le procedure messe in piedi dall’amministrazione comunale per ottenere la possibilità di posteggiare gratuitamente, nei pressi delle proprie abitazioni per i residenti delle marine, negli stalli gialli riservati, arrivano anche le critiche mosse dai banchi dell’opposizione Lorenzo Siciliano, Carlo Falangone e Daniele Piccione.    

Il tutto mentre il tempo stringe e il Comune ha rammentato, con un avviso pubblico, che ci sarà tempo sino a lunedì 15 luglio per richiedere il rilascio dell’autorizzazione al parcheggio gratuito negli stalli gialli per i residenti delle marine di Santa Maria al Bagno e Santa Caterina.

Com’è noto, nell’ambito delle aree su cui insistono gli oltre 1400 parcheggi a pagamento nelle due marine, l’amministrazione comunale, con apposita ordinanza del comando della polizia locale, ha anche previsto delle aree di sosta gratuita destinate ai veicoli privati dei soli residenti. Sono gli stalli  facilmente individuabili per la delimitazione in colore giallo.

E nel dettaglio, gli stessi per circa un centinaio di posti potenzialmente a disposizione, si trovano in via dei Benedettini e in piazza Meir a Santa Maria al bagno e in via Cantù, via Giordano, via Ponchielli, via Leoncavallo e via Pignatelli nella marina di Santa Caterina.

In questa fase, sino al 15 luglio appunto, l’amministrazione comunale intende capire il numero di richieste da parte dei residenti e quindi il fabbisogno di stalli gialli sulla base della previsione di circa 122 avanzata in delibera, in modo eventualmente da procedere poi a trasformare in stalli bianchi, e quindi gratuiti per tutti, quelli in esubero, se ce ne saranno.

È possibile fare richiesta di rilascio dell’autorizzazione al parcheggio negli stalli gialli per i residenti compilando i moduli (uno specifico per Santa Maria e uno per Santa Caterina) disponibili presso il Comando di Polizia Locale di via Crispi e sul sito web del Comune.

Necessario allegare i documenti personali e del veicolo, dichiarando la residenza nelle aree indicate. Sul modulo è necessario indicare anche la propria zona “gialla” di pertinenza tra quelle previste. L’autorizzazione per il parcheggio gratuito è unica per nucleo familiare. Dopo il 15 luglio non sarà possibile inoltrare alcuna richiesta di rilascio.

E sempre in tema di sosta cittadina, e nella fattispecie nelle zone centrali ora disciplinate dal disco orario, con un ulteriore provvedimento la giunta comunale ha ritenuto necessario adottare un disciplinare che regolamenti il rilascio e l’utilizzo dei permessi di sosta (contrassegni) per la sosta agevolata nei parcheggi disciplinati a zona disco e riservati a titolo gratuito per i veicoli privati di alcuni residenti, di alcuni dipendenti comunali, e degli ospiti di alcune strutture ricettive aventi sede operativa a Nardò.

Opposizione parla di “svendita” della sosta

“Sta sortendo enorme malcontento e innumerevoli disagi la delibera della giunta Mellone con la quale l’amministrazione comunale ha imposto la delimitazione di ben 95 parcheggi - solo su alcune strade, la cui scelta non è dato sapere da quali criteri sia stata dettata - riservati ai residenti nelle marine di Santa Caterina e Santa Maria al Bagno” lamentano i consiglieri comunali del Pd, Lorenzo Siciliano, Carlo Falangone e Daniele Piccione.

“Si tratta di 95 parcheggi, per altrettanti nuclei familiari residenti che, sulle strade scelte, non è dato neppure sapere se ci siano, tanto è vero che la stessa amministrazione ha diffuso, pochi giorni fa, un comunicato stampa con il quale annuncia una mezza retromarcia affermando che se non saranno usufruiti tutti i pass messi a disposizione, i parcheggi in più torneranno ad essere liberi e gratuiti per l’utilizzo da parte dei comuni mortali cittadini”.

I consiglieri dell’opposizione sottolineano anche che tra Santa Caterina, Santa Maria al Bagno e Portoselvaggio gli attuali inquilini di palazzo con il sindaco in testa hanno deliberato, anche quest’anno, ben 1.450 parcheggi a pagamento h24. Il provvedimento estivo che attiva le aree sosta a pagamento e le relative tariffe da 50 centesimi a 1 euro all’ora e quelle cumulative  da 3 a 5 euro per l’intere giornata.

“Ma non basta” incalzano i tre consiglieri, “perché si sono anche superati, prevedendo gli abbonamenti per la sosta per i proprietari di immobili nelle marine alla modica cifra di 100 euro mensili. Come se non bastassero le migliaia di euro all’anno che ciascuna famiglia, neretina e non, versa nelle casse comunali. Crediamo che questa ennesima scelta, inopportuna e arbitraria, rappresenti un disagio enorme per tante famiglie” concludono Siciliano, Falangone e Piccione, “un’ulteriore mazzata per le tasche dei cittadini, un ennesimo ostacolo alla libera fruizione del nostro mare per tanti cittadini e un’idea di governo della città ormai improntata sulle folli decisioni di pochi adepti, che credono di essere i proprietari di Nardò, e che ricadono sulla collettività”.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stalli gialli gratuiti per i residenti delle marine, domande entro il 15 luglio. Critiche dall’opposizione
LeccePrima è in caricamento