Nardò

Se non è una vittoria poco ci Manca, Nardò-Turris 1-1

Buon pareggio del Nardò in casa con la Turris. I granata all'ultimo respiro trovano il pari grazie ad un capolavoro di Manca

Foto Walter Macorano.

 

NARDO’ - Un pareggio che vale tre punti. Sofferto, spettacolare, prezioso il sigillo di Manca che all'ultimo secondo firma l'1-1 con la Turris. I granata ottengono così il terzo pari consecutivo, muovendo così un ulteriore passo verso la salvezza.

Per la sfida del “Giovanni Paolo II” il tecnico Longo schiera dal primo minuto tre esordienti in maglia granata: Raponi (un ritorno il suo), Rolando Giannuzzi e De Matteis. A centrocampo si rivede Manco, con Mariano e Patera a completare il reparto. Di contro, l'allenatore biancorosso Liquidato si affida all'esperienza di Cosa in avanti. Chiavi del centrocampo affidate a Somma, a comandare la difesa c'è l'ex di turno Terracciano.

Nei minuti iniziali subito un brivido per il Toro: Allegretta ha l'occasione giusta, Salerno si salva con il piede. I padroni di casa si scuotono, sfiorando il goal con due tiri dalla distanza di Taurino e Manco. Il match è equilibrato fino alla mezzora, quando il direttore di gara punisce una trattenuta in area di Raponi con il calcio di rigore a favore degli ospiti. Dal dischetto Cosa non perdona, Turris in vantaggio. Si va all'intervallo con il parziale di 1-0 per i campani.

Nella ripresa, al 58', Taurino si lascia cadere in area: giallo per simulazione. Poco dopo Patera pennella in area per il neo entrato Longo, che di testa non inquadra lo specchio. Il Nardò è in costante pressione, ma si espone ai pericolosi contropiede della Turris. Ci provano i biancorossi Foderaro e Amoroso, senza troppa fortuna. L'occasione più ghiotta per il raddoppio degli ospiti arriva al 75', Cosa si presenta tutto solo davanti a Salerno, che si salva con un intervento miracoloso. Nervi tesi in campo, i tanti falli spezzettano la gara. La Turris si chiude, tentando anche esagerate manovre ostruzionistiche per ostacolare i granata. L'arbitro assegna così sei minuti di recupero. Ma al 95' Manca dipinge un capolavoro, con una palombella dal limite dell'area che si insacca alle spalle dell'immobile Polise. I tifosi possono esplodere. All'ultimo respiro i granata trovano un pareggio insperato.

La truppa di Longo sale così a 34 punti in classifica, la salvezza si avvicina. Il prossimo turno riserva al Toro un ostacolo duro: il Campania. Poi tre derby consecutivi con Casarano, Martina e Grottaglie. Ma la strada da seguire è quella giusta: cuore e grinta non mancano di certo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Se non è una vittoria poco ci Manca, Nardò-Turris 1-1

LeccePrima è in caricamento