Otranto

Settimo censimento "I luoghi del cuore" del Fai, promozione per l'Abbazia di San Nicola di Casole

Perché San Nicola di Casole? In tutta la Provincia e sicuramente in tutto il Salento non esiste un luogo con una importanza storica più autorevole e contemporaneamente sfortunato

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima


Il concorso, attivo dal 13 maggio u.s., terminerà il 30 novembre del corrente anno.
La raccolta firme si può effettuare collegandosi al sito dei "Luoghi del Cuore" attraverso il seguente link https://iluoghidelcuore.it/luoghi/lecce/otranto/abbazia-di-san-nicola-di-casole/5764, o votando attraverso schede predisposte e presenti in tutti le filiali del gruppo Intesa San Paolo, o ancora tramite appositi registri predisposti dai vari Comitati per la raccolta firme da restituire completati alla sede centrale FAI di Milano. Al momento siamo al 13° posto con oltre 6000 voti e 2° Comitato di Puglia.
La nostra necessità è di salire in classifica per poter avere maggiori possibilità di recupero del Luogo, e ciò può avvenire sole attraverso la raccolta firme.
Eesistono registri firma in diversi luoghi di Lecce e Provincia, e ve ne cito alcuni:


<>-Biblioteca Caracciolo dei Frati Minori in via Imperatore Adriano
<>-Biblioteca Provinciale Bernardini in entrambe le sedi;
<>-Museo Sigismondo Castromediano, ingresso provvisorio Viale Lo Re
<>-Parrocchia Massimiliano Kolbe;
<>-Parrocchia San Sabino;
<>-Redazione Ora del Salento;
<>-Agenzia di viaggi Serafino in via Leuca;
<>-Dipartimento Beni Culturali Università di  Lecce -Via D.Birago
<>-Palazzo Tamborino - Corte dell'Idume;
<>-Museo Faggiano in via Ascanio Grandi;
<>-Castello Carlo V;
<>-Museo Storico di Lecce  - MUST;
<>-Gruppo Archeologico di Terra d'Otranto;
<>-Associazione Carpiniana a Carpignano Salentino;
<>-La Madrugada nei pressi Porta a Mare a Otranto


Perché San Nicola di Casole? In tutta la Provincia e sicuramente in tutto il Salento non esiste un luogo con una importanza storica più autorevole e contemporaneamente sfortunato perché distrutto nel 1480 dai Turchi che assediarono Otranto, poi dall'oblio del tempo. E dell'ignoranza. Certamente è una delle testimonianze più suggestive del medioevo pugliese, e della civiltà del Salento, il luogo dove numerosi manoscritti furono copiati nel Medioevo, sede di una prestigiosissima biblioteca, considerata fra le più fornite e preziose di tutto l'Occidente ed andata perduta nel corso di una storia impietosa nei confronti di un patrimonio culturale che oggi si trova sparso (o meglio di quel che ne rimane), fra le svariate biblioteche d'Europa, raccordo della tradizione greca dei monaci basiliani venuta a contatto con le politiche militari dei normanni.
Di fatto è stata una "Cluny" in terra di Puglia, grazie soprattutto alla produzione letteraria, luogo che dal XII e XVI secolo ospitò un circolo poetico e fu culla di una grande fioritura artistica e letteraria. E tanto altro ancora…
Oggi invece è in stato di abbandono in cui versano i ruderi annessi ad una masseria privata, dove greggi di pecore sono libere di pascolare.
In questo periodo molto è stato fatto per pubblicizzare l'iniziativa grazie anche alla presenza di una pagina facebook, https://www.facebook.com/pages/Salviamo-lAbbazia-San-Nicola-di-Casole-Otranto/202201693314152?ref=hl e una profilo facebook del Comitato.
          
      
      
   

          
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Settimo censimento "I luoghi del cuore" del Fai, promozione per l'Abbazia di San Nicola di Casole

LeccePrima è in caricamento