Lunedì, 2 Agosto 2021
Otranto Via degli Eroi

Ancora in mare, ma serve a poco: imbarcazione rischia schianto contro scogli

Un'improvvisa mareggiata per un forte vento di tramontana e la barca che avevano lasciato incustodita ha iniziato ad avvicinarsi alla scogliera. Causa, la poca aderenza dell'ancora sul fondale. I soccorsi da parte della guardia costiera di Otranto

OTRANTO – Hanno rischiato che la loro barca a vela, 9 metri per 50, si schiantasse contro gli scogli, nello specchio d’acqua proprio davanti al piazzale degli Eroi. E’ quello che è accaduto nel fine settimana ad una coppia in vacanza, lui avvocato, lei architetto, leccesi, giunta nella baia della città idruntina. Così, hanno pensato di gettare l’ancora in acqua per raggiungere a bordo di un’altra piccola imbarcazione la terra ferma e quindi ammirare le bellezze di Otranto.  

Ma per un'improvvisa mareggiata causata da un forte vento di tramontana, la barca, che i proprietari avevano lasciato incustodita ha iniziato ad avvicinarsi pericolosamente alla scogliera. Il motivo? La poca aderenza dell’ancora sul fondale. Immediatamente sono scattati i soccorsi da parte della guardia costiera di Otranto, che ha inviato sul posto una propria motovedetta. La fortuna ha voluto che il basso fondale abbia frenato la "corsa" dell'imbarcazione, che così s'è solo adagiata sugli scogli, senza schiantarvisi in modo rovinoso.

Grazie all’ausilio degli ormeggiatori del posto, poi, l’imbarcazione è stata raggiunta e quindi rimorchiata. Diversamente si sarebbe rischiato anche un probabile danno ambientale a causa del carburante presente a bordo e che si sarebbe potuto riversare in mare. 

Ma durante il week end appena trascorso la guardia costiera ha effettuato anche altri  controlli, soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo di acquascooter. Sanzioni per circa mille euro ad uno dei noleggiatori per irregolare tenuta dei registri e per aver dato a nolo acquascooter in orari preclusi dalla vigente ordinanza di sicurezza balneare. Inoltre varie pattuglie, nella notte di San Lorenzo, hanno battuto il territorio per effettuare controlli sull’eventuale accensione di fuochi sulle spiagge, procedendo ad effettuare numerosi interventi preventivi all’interno pinete di Otranto. 

Dal comando dell’ufficio circondariale marittimo di Otranto ricordano che, per ogni emergenza in mare, è attivo 24 ore su 24, sia da rete fissa che da cellulare, il numero blu 1530 della Guarda Costiera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora in mare, ma serve a poco: imbarcazione rischia schianto contro scogli

LeccePrima è in caricamento