Giovedì, 24 Giugno 2021
Otranto

Maglie-Otranto, pronte le quattro corsie. Nel 2017 anche una pista ciclabile

Manca solo un breve tratto per completare i 14 chilometri esistenti. Adesso l'arteria è a tutti gli effetti una strada extraurbana principale

MAGLIE – La strada che collega Maglie a Otranto, lunga 14 chilometri, è da oggi praticamente tutta percorribile con due corsie per senso di marcia. Con una sola eccezione, tra il km 987,1 e 986,6 in direzione Maglie dove al momento si transita solo in corsia di sorpasso. E’ stato comunque realizzato un intervento di messa in sicurezza dell’intersezione con la Provinciale per Bagnolo del Salento.

Con il completamento dell’ultimo tratto di 3,5 chilometri l’arteria è diventata a tutti gli effetti una strada extraurbana principale: questo significa, oltre al divieto di circolazione (ad esempio ciclomotori e macchine agricole) per determinate categorie di veicoli, che il limite di velocità è fissato a 110, ed esclusione del tratto in corrispondenza della variante di Palmariggi ove vigono i 90; inoltre, nei tratti in corrispondenza degli svincoli di Maglie e di Otranto la velocità si ridurrà progressivamente a 40 chilometri orari con divieto di sorpasso.

La sede stradale è larga 21,5 metri ed è stato organizzato, assicura Anas, un sistema di viabilità secondaria e terziaria. Sono stati eliminati gli incroci a raso e sono stati abbassati i tempi di percorrenza, quantificabili ora in 15 minuti. L’importo complessivo degli interventi è stato di 80 milioni di euro, la strada interessa i territorio di Maglie, Muro Leccese, Palmariggi, Giurdignano e Otranto.

Nel 2017 partiranno i lavori per la realizzazione di un percorso lento per la fruizione del paesaggio, con piantumazione di essenze vegetali ai margini della Statale e una pista ciclabile di circa 20 chilometri finalizzata alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturalistico della zona.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maglie-Otranto, pronte le quattro corsie. Nel 2017 anche una pista ciclabile

LeccePrima è in caricamento