Otranto Otranto

Mascarimirì a Otranto per 10 anni di "tradinnovazione"

Primo appuntamento con la rassegna organizzata da Anima Mundi, con la partnership de "Il Maestrale": ogni martedì presentazioni ed incontri culturali. Si parte stasera col cd dei Mascarimirì

La_copertina_dellultimo_album_dei_mascarimiri

Serata di grande musica ad Otranto. Presso il Molo Martiri, al Maestrale, si terrà l'attesa presentazione del nuovo lavoro discografico dei Mascarimirì, organizzato dalla casa editrice locale, AnimaMundi, che produce il cd. La manifestazione sarà arricchita da una proiezione del film-documentario e concerto.

Con questo lavoro Mascarimiri, storico gruppo di tradinnovazione della musica salentina, chiude un percorso iniziato circa un paio di stagioni fa, che lo ha portato alla realizzazione di uno spettacolo live che ha attraversato l'Europa: l'album, dunque, è una sorta di celebrazione dei dieci anni della storia del gruppo, con un film documentario che racconta le tappe salienti di questo percorso e i momenti cruciali dell'evoluzione verso lo stile della "tradinnovazione". "Dieci anni Collection" è il titolo del cd, che raccoglie 15 brani di cui 2 inediti, estratti dal meglio della loro ampia discografia.
La presentazione dell'album dei Mascarimirì è solo il primo degli appuntamenti della rassegna otrantina, organizzata da Anima Mundi con la partnership del "Maestrale": presentazioni ed incontri culturali, proiezioni, concerti, djset, aperitivi al tramonto (con artisti del calibro dei Salentorkestra, Les Troublamours, Anna Cinzia Villani, Triace, Tonino Zurlo, Raffaella Aprile), ogni martedì fino al 15 settembre, animeranno le serate della città dei Martiri.

Anima Mundi è una casa editrice locale, nonché world music store e libreria specializzata in culture e tradizioni dal mondo, collocata in Vicolo Majorano, che, fin dalla sua nascita, avvenuta nel 2002, dall'incontro tra Giuseppe Conoci ed il gruppo francese Les Troublamours, ha promosso iniziative sempre attente al territorio e alla dimensione artistica che quest'ultimo può proporre e valorizzare.
Negli anni successivi, infatti, Anima Mundi ha pubblicato numerosi e importanti lavori discografici di alcuni tra i più autorevoli artisti salentini, che hanno contribuito a portare la tradizione musicale salentina a confronto con i linguaggi e gli stili della musica contemporanea e con altre culture e tradizioni.

È interessante il connubio tra un'idea come quella proposta dalla casa editrice, sita nel centro storico otrantino e il "Maestrale", locale all'aperto, nato di recente, da un'idea del noto deejay Simone Fabbroni e di Umberto Lanzilotto, come autentico ritrovo di musica e socialità. Il "Maestrale", collocato poi in un suggestivo teatro di mare come quello che si prospetta dal Molo di Otranto, attraverso le proprie iniziative, sta calamitando attenzioni, divenendo a tutti gli effetti, un punto di incontro aperto anche ad esperienze culturali, non ultima quella degli aperitivi letterari nell'ambito del festival del cinema dei territori, recentemente conclusosi. Un luogo, che ben si presta a queste iniziative che facilitano la fruizione delle multiformi dimensioni dell'arte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascarimirì a Otranto per 10 anni di "tradinnovazione"

LeccePrima è in caricamento