Otranto Otranto

Otranto, "Dalla chioma di Athena.Donne oltre i confini"

Mostra al femminile, tra rivoluzionarie di professione ed altre part time: 21 ritratti di Giancarlo Montelli, con testi della giornalista e scrittrice Valeria Palumbo nel castello aragonese di Otranto

MINERVA-W

OTRANTO - Una mostra al femminile, dal 20 aprile al 22 maggio, nel Castello aragonese di Otranto: "Dalla chioma di Athena. Donne oltre i confini" è il titolo di una singolare esposizione, con immagini di Giancarlo Montelli e testi di Valeria Palumbo, organizzata all'interno dell'antico maniero, gestito dalla Società cooperativa Sistema Museo di Perugia e dall'agenzia di Comunicazione Orione di Maglie, in collaborazione con Provincia di Lecce, Museo Provinciale Sigismondo Castromediano di Lecce e Comune di Otranto.

La mostra include 21 ritratti di Giancarlo Montelli. Ci sono state le rivoluzionarie di professione, da Eleonora de Fonseca Pimentel a Rosa Luxemburg. C'è chi l'ha fatto part time, come Tina Modotti. E chi ha rivoluzionato l'arte, come Isadora Duncan. Ci sono state quelle che ribelli non si sentivano affatto, come Leni Riefenstahl e Marie Curie, ma hanno fatto cose che nessuno al mondo avrebbe immaginato. E quelle che il mondo l'hanno girato e rigirato come Nellie Bly, Alexandra Néel-David e Amelia Earhart. In poco più di due secoli, dai riccioli di Athena è saltata fuori una genia sempre più agguerrita di donne. Difficile contenerle. Irresistibile ritrarle.

Giancarlo Montelli, illustratore, art director e fotografo in numerose case editrici, ha al suo attivo numerose mostre in Italia e all'estero. Per la Rai ha realizzato sigle e storie animate in programmi per ragazzi. Sempre per la Rai ha utilizzato in modo atipico la fotografia per costruire fotostorie animate. Dal 1983 al 1990 ha realizzato per il settimanale "L'Espresso" le illustrazioni per numerose copertine, ordinate nel 2004 nella mostra "L'Espresso negli anni '80". Ha collaborato continuativamente con il quotidiano la Repubblica e con il magazine il Venerdì de la Repubblica. Collabora con il quotidiano Europa.

Ha fondato l'Accademia di illustrazione e comunicazione visiva dove ha diretto i corsi e insegnato illustrazione editoriale e costruzione dell'immagine. Ultimamente una mostra delle grandi illustrazioni per l'edizione Odradek del Pinocchio presso l'Accademia di Belle Arti di Lecce dal titolo "Comunicazione visiva e l'arte di generare visioni" con laboratori e incontri con gli allievi e una grande mostra presso il Museo Provinciale Sigismondo Castromediano di Lecce dal titolo "Dalla favola al mito".

Valeria Palumbo, caporedattore centrale de L'Europeo, fa parte della Società italiana delle storiche e della Società italiana delle letterate. Nel 2003 ha pubblicato Prestami il volto (edizioni Selene) sulle compagne di artisti famosi, vincitore del premio "Il Paese delle donne" (2006). Ha pubblicato per Sonzogno Le Donne di Alessandro Magno (2005), Donne di Piacere (2005) e La perfidia delle donne (2006). Nel maggio del 2007 è uscito Svestite da uomo (Bur) e, nel 2008, per Odradek, Le figlie di Lilith, sulla trasformazione del mito della femme fatale in diva. Del 2009 è L'ora delle Ragazze Alpha (Fermento) sulla terza onda del femminismo, vincitore del "premio selezione Anguillara Sabazia" 2010. Nel 2010 ha riveduto e ristampato, con il titolo La Divina suocera (edizioni Selene), un saggio del 2004 sulla suocera dell'imperatore romano Adriano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Otranto, "Dalla chioma di Athena.Donne oltre i confini"

LeccePrima è in caricamento