Domenica, 1 Agosto 2021
Otranto

“Otto a mezzogiorno”. Racconti di immigrazione e lavoro nel cuore di Otranto

Nel secondo appuntamento della Settimana della Cultura Unesco, presentato il film documentario di Davide Maldi, che affronta i temi dell’accoglienza e le contraddizioni. Stasera ospiti Osvaldo Piliego e il baritono Paolo Ruggiero

Il dibattito con Leogrande, Cologna e Nigro

OTRANTO - Un documentario sul mondo dell’immigrazione e sulla rete di accoglienza: la proiezione di “Otto a mezzogiorno. Appunti dal Sud Italia”, un film di Davide Maldi è stato il leit-motiv della seconda serata della Settimana della Cultura Unesco di Otranto, nell’incontro con la festa mobile della Provincia di Lecce, “FineTerra”.

La visione della pellicola è stata anticipata dalla conversazione orientata su lavoro ed immigrazione, in Largo Porta Alfonsina tra Daniele Cologna di Codici, agenzia di ricerca sociale, lo scrittore Alessandro Leogrande e Gianluca Nigro dell’associazione Finis Terrae.

Questa sera inizia il ciclo di presentazioni di autori e testi. In attesa del suo nuovo romanzo prosegue il lungo “tour” di “Fino alla fine del giorno”, edito da Lupo, di Osvaldo Piliego, direttore di Coolclub.it. Alle 21, con ingresso gratuito, l’autore, vincitore del Premio Nabokov, sarà ospite della rassegna a cura del Club Unesco di Otranto, in collaborazione con il Comune di Otranto, che ha come scopo la promozione delle tematiche della pace e del dialogo tra i popoli.

A seguire, in seconda serata, l’incontro con il baritono pugliese, Paolo Ruggiero, che presenterà il libro e il cd “Cantar la Patria”, arricchendo la serata con una esibizione lirica. Sono previsti nel corso della serata ospiti a sorpresa e momenti di reading.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Otto a mezzogiorno”. Racconti di immigrazione e lavoro nel cuore di Otranto

LeccePrima è in caricamento