Otranto Otranto

Turismo e formazione: ad Otranto fa tappa Messapia

La fondazione Messapia e l'ordine dei commercialisti leccesi impegnata in un corso di formazione di nuove figure professionale per il settore turistico: ieri, interessante tappa nella città di Otranto

De Matteis,Contini, Paiano, Merico, De Benedetto, Cariddi

Un corso di formazione per "Progettisti di itinerari turistico-culturali ed eno-gastronomici, con l'obiettivo di formare una figura professionalmente innovativa per il settore turistico. È questa la scommessa dell'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili della circoscrizione Tribunale di Lecce, in collaborazione con Fondazione Messapia, in un'idea che vede in partenariato la Facoltà di Economia dell'Università del Salento, la Confindustria Lecce e la provincia, oltre ad altri 14 comuni e numerosi enti privati. Ieri il corso itinerante ha fatto tappa ad Otranto, nella cornice dell'Ipssart, accolto dal dirigente scolastico, Bruno Contini, dal referente locale dell'Ordine dei commercialisti, Tommaso De Benedetto (che ha fortemente contribuito alla realizzazione dell'appuntamento), dal sindaco di Otranto, Luciano Cariddi, e da Fortunato De Matteis, consigliere dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Lecce.

Attraverso questa iniziativa, infatti, si forniscono ai partecipanti le conoscenze di base nel campo dell'economia del turismo, della storia dell'arte, dell'architettura, della storia della letteratura e delle paesaggistiche salentine, senza tralasciare aspetti giuridici ed economico-aziendali ed imprenditoriali inerenti il settore turistico. Il programma formativo, secondo un approccio learning by doing, prevede che i partecipanti predispongano durante il periodo delle lezioni frontali, un progetto di itinerario turistico-culturale. Fondamentale per la conclusione del percorso formativo è la selezione dei progetti redatti e la sperimentazione sul territorio di quelli scelti, per un triplice obiettivo: l'acquisizione di nozioni teorico trasversali rispetto alle differenti discipline legate al turismo nel Salento, l'applicazione degli aspetti teorici attraverso la redazione e la sperimentazione di progetti di itinerari turistico-culturali, la valutazione dei punti di forza e debolezza dei percorsi sperimentali necessaria ad affinare le personali capacità progettuali di ciascun corsista.

Destinatari del corso sono laureati, diplomati, operatori del settore turistico, personale impegnato nel turismo degli Enti Locali, che affrontano undici moduli in 70 ore in aula e 70 di conoscenza del territorio e delle Aziende turistiche ed agro-alimentari e di stage, da fine novembre 2009 a fine aprile 2010.


De Matteis, nell'appuntamento otrantino, ha chiarito il valore strategico di questa scommessa sulla formazione e su un settore alla ricerca di professionalità, che rispondano alle esigenze di mercato. Il vicepresidente della fondazione Messapia ha inoltre lodato l'impegno e la disponibilità profuse dalle amministrazioni comunali, perché colgono la credibilità di questi progetti. Dopo un momento teorico, nel pomeriggio, i presenti hanno avuto un confronto con tre testimonianze dirette del settore turistico, con operatori de Il contadino, del Vittoria Hotel e della fondazione Costantine, ad interloquire con gli alunni. Poi guidati da Elio Paiano, giornalista e conoscitore della storia locale, i partecipanti al corso hanno visitato alcune delle zone più caratteristiche ed importanti di Otranto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo e formazione: ad Otranto fa tappa Messapia

LeccePrima è in caricamento