Ordine degli avvocati, Roberta Altavilla viene riconfermata alla presidenza

Non è mancata una venatura polemica con il gruppo di De Mauro, che peraltro era stato il più suffragato l'8 e il 9 maggio

LECCE – Il più suffragato era stato Antonio De Mauro, con mille 654 voti. Roberta Altavilla, alle elezioni che si sono svolte l’8 e il 9 maggio, si era attestata seconda, con mille 387 preferenze. Ma all’atto dell’insediamento nel nuovo Consiglio dell’Ordine degli  avvocati di Lecce, quando si è trattato di votare per le cariche, Altavilla ha ricevuto il rinnovo del mandato in qualità di presidente. Ha ottenuto dodici preferenze, contro le nove che sono andate a De Mauro.

Non è mancata una venatura di polemica, circa il limite del doppio mandato, con il gruppo di riferimento dell’avvocato De Mauro che non è andato al voto e ha rifiutato altre cariche. A partire dalla vicepresidenza. Ma, intanto, i giochi sono fatti e sono stati assegnati i ruoli. Quello di segretario è andato a Vincenzo Caprioli (dodici preferenze e nove schede bianche); come tesoriere è stata scelta Luigia Fiorenza (dodici preferenze nove schede bianche); infine, sarà vicepresidente Maurizio Valentini (dodici preferenze e nove schede bianche).

I ventuno consiglieri scelti dal Foro nelle elezioni, come si ricorderà, sono: Antonio De Mauro, Roberta Altavilla, Vincenzo Caprioli, Andrea Lanzilao, Luigia Fiorenza, Laura Bruno, Simona Bortone, Raffaele Fatano, Silvio Bonea Cristiano Solinas, Maurizio Valentini, Cosimo Rampino, Paolo Marseglia, Simona Guido, Sergio Limongelli, Viviana Patrocinio, Giuseppe Gallo, Cinzia Vaglio, Annarita Marasco, Rita Perchiazzi e Isabella Fersini.

Le dichiarazioni di Roberta Altavilla

“Con l'insediamento del Consiglio si è concluso il momento elettorale, pertanto ora dobbiamo tornare a concentrarci sulle molte attività necessarie per il buon funzionamento dell'Ordine al servizio dei colleghi”, ha commentato a margine Roberta Altavilla. La quale ha aggiunto: “Sono molto lieta di vedere dieci donne in Consiglio. Sono sicura che porteranno una grande ricchezza così come sono certa che si troverà la giusta condivisione con i consiglieri neoeletti, perché questo è prima di ogni cosa un dovere”.

“Lavoreremo insieme con reciproco rispetto, pur nella diversità di alcune posizioni – ha aggiunto la neo rieletta presidente -, per giungere ad una reale condivisione perché siamo colleghi e non avversari. Sono rispettabili le scelte di ciascuno e anche il dissenso, se espresso in forma costruttiva. Avremo modo di conoscerci e di dare tutti il nostro meglio, lavorando con impegno e dedizione. Non intravedo alcuna polemica nel dissenso o nel voto contrario”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il presidente dell’Ordine – ha concluso - è espressione del Consiglio. Il voto personale non è mai stato un requisito per ricoprire questo ruolo. Anche io in passato ho ottenuto un risultato elettorale superiore a quello del presidente uscente, poi riconfermato. Il Foro ha scelto in modo consapevole i suoi rappresentanti, e questi nel loro interno hanno individuato le cosiddette cariche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento