Piaga degli ulivi, la battaglia degli agricoltori va avanti a oltranza

Domani mattina altre manifestazioni davanti alla sede leccese della Regione Puglia e, a seguire, della Provincia. Cezzi (Confragricoltura): "Non ci fermeremo sino a quando le rivendicazioni del mondo agricolo saranno accolte"

LECCE – La doppia manifestazione di ieri a Lecce, con i trattori in corteo, è stata solo un primo assaggio. Gli agricoltori non hanno intenzione di demordere. La protesta, legata alla gestione dell’emergenza Xylella, che sta piagando il Salento, va avanti con altre iniziative.

Domani mattina, alle 8, davanti alla sede distaccata della Regione Puglia, in viale Aldo Moro, a Lecce, manifesteranno i rappresentanti di Confagricoltura, Cia, Copagri, Confcooperative e Legacoop, assieme ad altre organizzazioni anche non agricole e alle comunità territoriali. Gli stessi organizzatori spiegano che non saranno sventolate le bandiere delle associazioni promotrici della manifestazione. Questo, in prospettiva di un’adesione più ampia. E qui sosteranno anche i trattori.

Alle 9,45, quindi, la protesta proseguirà davanti alla sede della Provincia di Lecce, in via Umberto I. Un’iniziativa ad hoc, che anticipa l'assemblea dei sindaci salentini, convocata dal presidente della Provincia di Lecce, Stefano Minerva.

Secondo le associazioni, c’è già stato un primo effetto, dopo le manifestazioni di ieri, quello, non indifferente, di riportare la centralità della discussione nel Salento. “Occorre intervenire, con forza estrema - dice Maurizio Cezzi, presidente di Confagricoltura Lecce - al fine di ottenere un'attenzione reale da parte delle istituzioni pubbliche sulla distruzione del territorio e dell’economia non solo agricola del Salento a causa della xylella”.

“Per questo - aggiunge il presidente - le organizzazioni hanno dichiarato lo stato di agitazione dell'intera categoria e stigmatizzato il ritardo negli interventi da parte dell’Unione Europea, del Governo italiano e soprattutto della Regione Puglia. La mobilitazione ed il presidio del territorio  - conclude Cezzi - devono proseguire e non si devono fermare sino a quando le rivendicazioni del mondo agricolo saranno accolte”. Insomma, si preannuncia una battaglia dura e lunga.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Quanto invidio il popolo sardo... Gente con le palle, risoluta... Noi salentini invece... Pecorelle del primo pastore di turno... E se organizzassimo una manifestazione a Roma portando in dono tanti ulivi malati???..

  • Sono rimasti in pochi a farsi il mazzo per l'olio doc. La maggior parte di qualità ha smesso di esistere per incapacità e nn a causa della xilella

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni comunali: alle 19 ha votato il 57,7 per cento degli elettori leccesi

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Politica

    Sulla scheda il candidato che “non esiste”: un "De" di troppo ma elezioni proseguono

  • Sport

    La prevenzione contro il cancro si fa "di corsa": torna la “Gallipoli ColouRun”

I più letti della settimana

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

  • Un Rolex inesistente e il finto rimborso. Ed è doppia truffa da 24mila euro

Torna su
LeccePrima è in caricamento