Taviano, bilancio dell’emergenza: “Mano tesa alle famiglie e contagi zero”

Nel giorno del suo compleanno il sindaco Tanisi presenta il rendiconto della Fase 1 tra interventi nel sociale e assistenza psicologica. Ripresa confortante per il mercato dei fiori

TAVIANO - E’ tempo di ripartenza per la laboriosa comunità di Taviano che grazie ad una buona organizzazione e unità di intenti ha superato pressoché indenne la Fase 1 del lockdown legato alla diffusione del coronavirus. E il sindaco della cittadina dei fiori, Giuseppe Tanisi, ha scelto proprio il giorno del suo compleanno, che ricorre oggi, per tracciare un bilancio delle attività svolte negli ultimi due mesi e per fare il punto della situazione sul territorio dopo l’avvio della seconda fase dell’emergenza.

Un bilancio che fa il paio con l’ultima buona notizia che conferma la città di Taviano tra le poche realtà comunali, oltre i 10 mila abitanti, che registrano sostanzialmente contagi pari a zero. Anche il caso annunciato nei giorni scorsi come primo caso di contagio infatti, a quanto appurato e ora comunicato dal primo cittadino, si è rivelato un “falso positivo” così come risultato dall’esito di ben quattro tamponi.

"È stato ed è ancora un periodo difficile, che insieme alle nostre persone rischia di tenere recluse le nostre speranze, i nostri progetti, di svuotarci talvolta di senso e di sogni” commenta il sindaco Tanisi, prima di passare alla rendicontazione del lavoro svolto appannaggio della comunità. “Amare la propria città significa anzitutto servirla anche sotto questo aspetto, non lasciare mai che si smorzi o si affievolisca la speranza” prosegue, “amare la propria città è anche amare il suo stesso futuro e impegnarsi per esso. Sono stati mesi di lavoro duro, di cui il grande gratificazione è stata l'amicizia e la condivisione di tutti i nostri concittadini con i quali, benché distanti, siamo rimasti uniti. Siamo riusciti a superare questa fase perché abbiamo lavorato insieme, abbiamo lottato insieme, e certi risultati possono essere raggiunti solo restando insieme. Ora comincia la fase della ripartenza” conclude il primo cittadino, “di una ripresa che ci auguriamo possa essere di ragguardevoli dimensioni, rapida, ma soprattutto armonica e che possa interessare tutti, affinché nessuno resti indietro”

Dal rendiconto reso noto dall’amministrazione comunale tavianese si evince che in questi mesi di crisi sanitarie ed economica si è provveduto alla distribuzione di 108 mila euro di contributi governativi a più di 600 famiglie, e  che attualmente si sta ultimando l'evasione di tutte le domande di contributi regionali per gli affitti. Già individuati anche i criteri e le modalità di assegnazione degli oltre 36 mila euro di contributi regionali per le famiglie in stato di bisogno. Per le famiglie che si sono trovate in stato di necessità l’amministrazione comunale ha promosso iniziative quali il Banco Alimentare, promosso e gestito autonomamente dal vicesindaco Francesco Pellegrino, e dai consiglieri Germano Santacroce, Barbara D'Argento, Irene Gianní, Marco Stefano, Viviana Calzolaro e Gianni Fonseca, e che ha assicurato pacchi alimentari a centinaia di famiglie, o l'iniziativa “Aggiungi un posto a tavola" promossa dagli assessorati alle politiche sociali e alle Attività produttive, coordinati rispettivamente da Serena Stefanelli e Paola Cornacchia, che per otto festività, col contributo di diverse attività di ristorazione e di numerosi cittadini, ha assicurato più di 500 pasti caldi a 153 famiglie.

Ed è stata, e continua ad essere, quella della solidarietà, una vera e propria gara da parte di aziende, associazioni e privati cittadini in collaborazione con il Comune affinché nessuno possa sentirsi o essere lasciato solo nell'affrontare un tale stato di crisi. Uno dei primi servizi attivati  è stato quello di “Ascolto e supporto psicologico”, con l'ausilio di tre psicologhe che gratuitamente hanno messo a disposizione la loro professionalità per assistere i cittadini sottoposti a forti stress: tante le donne che si sono rivolte allo sportello telefonico con età media di 36 anni che hanno manifestato stati d’ansia e disagio emotivo.

Il tutto unitamente anche al servizio di “assistenza odontoiatrica” per consigli su terapie farmacologiche ed urgenze da parte dei quattro odontoiatri tavianesi. Inoltre, fin dall' inizio della pandemia, l'amministrazione di Taviano ha provveduto alla sanificazione di tutti gli istituti scolastici e di tutti gli ambienti pubblici del comune, ad una periodica disinfestazione e sanificazione delle strade cittadine e della marina di Mancaversa, e degli studi medici e pediatrici della città, senza contare una periodica pulizia e sanificazione del mercato ortofrutticolo grazie anche all' acquisto di una nuova spazzatrice con l’impegno dell'assessore Marco Stefano. Per il mercato è stata sempre garantita l' apertura, avvalendosi anche della disponibilità degli operatori di devolvere al banco alimentare i prodotti invenduti.

Ai fini della tutela ambientale inoltre, per iniziativa del sindaco e presidente dell'Unione ionico salentina Giuseppe Tanisi, i cinque comuni dell'unione hanno deliberato di vietare la sperimentazione e l'installazione della tecnologia 5G su tutto il territorio intercomunale. A tali iniziative inoltre si aggiunge la mobilitazione dell'amministrazione comunale, in sinergia anche col distretto Florovivaistico pugliese, presso le istituzioni regionali e nazionali, per la riapertura del mercato floricolo, a garanzia dell'intero comparto messo in ginocchio dalle misure restrittive del decreto governativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mercato che ora ha ripreso a funzionare regolarmente, col afflusso di centinaia di operatori, tra produttori e commercianti, anche di altre regioni, e che costituisce il motore economico propulsivo della città dei fiori. Non ultimo, oltre all’attività sinergica tra Coc comunale, forze dell’ordine e protezione civile, anche l’invito rivolto dal sindaco Tanisi e dell'assessore Paola Cornacchia al presidente della Regione, Michele Emiliano, per un anticipo di riapertura di parrucchieri, centri estetici e del commercio al dettaglio rispetto alle date previste dal decreto governativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento