Per questioni di droga rapina l'amico del debitore: scoperto e arrestato

Un 28enne leccese in carcere con l’accusa di tentata estorsione e rapina. I fatti, su cui ha indagato la squadra mobile, nel quartiere Santa Rosa, in città.

Foto di repertorio.

LECCE – Lite per debiti di droga sfocia in una rapina. Dopo le indagini, scatta l’arresto per tentata estorsione in concorso e rapina. Stefano Monaco, 28enne leccese, è infatti il destinatario di una misura di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Lecce per un episodio dei giorni scorsi. La squadra mobile leccese, coordinata dal vicequestore Alessandro Albini, ha infatti avviato un’attività investigativa a seguito della denuncia presentata dalla vittima, un giovane, brindisino.

Il pomeriggio di sabato 19 gennaio, nel quartiere Santa Rosa, per cause legate sicuramente a dei debiti contratti con Monaco, la vittima era stata aggredita e rapinato della propria Fiat Punto poi ritrovata, priva delle chiavi, nelle vicinanze.  L’immediato intervento degli agenti ha consentito di accertare che quella stessa sera l’indagato, in concorso con altri tre individui rimasti al momento ignoti, aveva già aggredito e malmenato un conoscente del giovane brindisino, intervenuto a difesa del malcapitato, pretendendo una somma in denaro per debiti contratti e legati al mondo della droga.

Le indagini, avviate subito dopo,  hanno portato ad identificare l’aggressore, finito in carcere su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento