homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Dall'azienda "spariscono" nove milioni di euro: condannato il 63enne

Due anni e mezzo per bancarotta fraudolenta sono stati inflitti all'amministratore della "Teamcars srl" di Galatone. Assolto il fratello

Il Tribunale di Lecce

LECCE   - Si è concluso con una condanna e un'assoluzione il processo con rito abbreviato che vedeva imputati due fratelli di Galatone accusati di bancarotta fraudolenta, per aver distratto una somma vicina ai 9milioni di euro. Nelle scorse ore, il gup Michele Toriello ha inflitto due anni e mezzo di reclusione a Giuseppe Ferrocino, 63 anni, amministratore unico e liquidatore della “Teamcars srl” (società dichiarata fallita con sentenza del Tribunale il 14 febbraio 2013) e ha assolto con formula piena “perché il fatto non sussiste” Pasquale Ferrocino, 68, ritenuto l'amministratore di fatto.

La pubblica accusa, rappresentata dal pubblico ministero Maria Vallefuoco (che ha sostituito in udienza la collega titolare del fascicolo Francesca Miglietta) aveva chiesto per entrambi gli imputati cinque anni di reclusione. Stando alle indagini, i due imprenditori avrebbero occultato nel bilancio del 2010 un milione e 400mila euro alla voce “crediti clienti” e circa due mila euro alla voce “immobilizzazioni materiali”, e distratto somme per un ammontare complessivo di quasi otto milioni e mezzo, riportate in contabilità alla voce “Cassa”, sempre nel bilancio 2010, e non consegnate alla curatela fallimentare.

Secondo i difensori di Giuseppe Ferrocino, gli avvocati Paolo Spalluto e Arturo Balzani, si trattava di somme fittizie, inserite in bilancio solo per “trasmettere” l'immagine di un'azienda sana, mentre in realtà la gestione era deficitaria. Pasquale Ferrocino era difeso dagli avvocati Giuseppe e Pasquale Corleto e Italo Foggetti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • purtroppo dalle volte chi amministra può anche sbagliare se strattainbuona fede certo se e stato un truffatore e giusto che paghi

  • Ce da pensare che altri Imprenditori ne seguiranno l'esempio visto che tutto sommato il Gioco e' valso la Candela . In altri Stati Europei chi truffa la Collettivita' viene espropriato della stessa misura del danno che ha causato senza cavilli Legali che tengano ! Pensate che qui nel Nostro Stato abbiamo Leggi abrogate ma non del tutto e che abbiamo talmente centinaia di migliaia di Leggi che neanche il miglior Magistrato ne ha menzione. Forse dovremmo prendere il modello Francese che ha un decimo delle nostre Leggi e che di sicuro l'uguaglianza in Diritti e Doveri tra i Cittadini e' piu' rispettata che altrove http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/08/28/riforme-il-paese-soffoca-in-un-labirinto-di-leggi/1101193/

  • inserite in bilancio solo per “trasmettere” l'immagine di un'azienda sana. Certo che a volte le linee di difesa che adottano, sono davvero ridicole. Capisco che tutti abbiano diritto ad una difesa, ma davvero spararla così grossa ha del ridicolo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sottraeva denaro dalla farmacia in cui era impiegato, condannato a due anni

  • Nardò

    Mellone nomina la giunta: quattro gli assessori esterni, tre le donne

  • Politica

    La destra presenta il suo comitato per il no alla riforma costituzionale

  • Cronaca

    Tragedia nella pineta di Orte, 43enne trovata impiccata ad un albero

I più letti della settimana

  • Testacoda e schianto in galleria contro la colonnina degli estintori

  • Minerva di misura su Fasano. A Nardò ribaltone: il sindaco è Mellone

  • I turisti della Le Lyrial salutano Otranto dalla nave. Il sindaco va su tutte le furie

  • Dopo il maxi arsenale trovato nella masseria scattano le manette

  • Oltre duemila ricci pescati nella riserva marina: denunciati in tre

  • Operazione "Vortice-Déjà Vu", inflitti quattro secoli di carcere in abbreviato

Torna su
LeccePrima è in caricamento