Grosso incendio distrugge i mezzi agricoli nel deposito di un'azienda

E' successo nella notte nelle campagne fra Cutrofiano e Maglie, in località Petrore. I vigili del fuoco impegnati per circa quattro ore. Devastati trattori e altri strumenti da lavoro. Cause incerte. Sul caso indagano i carabinieri

Foto di repertorio.

CUTROFIANO – Mancava una ventina di minuti a mezzanotte quando, all’improvviso, è divampato l’incendio. In breve, le fiamme hanno avvolto tutto ciò che era contenuto all’interno di un capannone che ricade nel terreno di una masseria, un luogo usato come deposito di attrezzi agricoli. E non s’è salvato nulla. Un danno notevole, per decine di migliaia di euro, arrecato a un’impresa agricola nelle campagne fra Cutrofiano e Maglie, gestita da un uomo del posto e di proprietà del padre.

Quando i vigili del fuoco sono arrivati sul posto (è giunta una squadra da Gallipoli, altre erano impegnate su vari fronti, per i soliti incendi di sterpaglie del periodo), hanno dovuto ingaggiare una vera e propria lotta contro le fiamme, durata circa quattro ore. L’intervento, in località Petrore (non lontano da una vecchia cava per l'estrazione della pietra), s’è concluso, infatti, solo alle 3,45 circa del mattino.

Ad andare distrutti sono stati mezzi da lavoro importanti, per l’azienda. Nel capannone, infatti, c’erano due trattori, una trebbiatrice e un’imballatrice per il fieno. Sul posto, attorno all’una di notte, sono arrivati anche i carabinieri. I militari della stazione di Cutrofiano, competenti per territorio, si sono avvalsi della collaborazione dei colleghi della tenenza di Copertino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è stato possibile individuare l’origine scatenante delle fiamme. I vigili del fuoco, a tale proposito, non si sono espressi. Se vi sia stato qualche guasto elettrico o, peggio, la mano di qualcuno, restano per ora soltanto ipotesi. Fra l’altro, non vi sono installate videocamere, che sarebbero senz’altro tornate utili a fare chiarezza, e la zona è molto interna, nelle campagne. Le indagini sono al momento in corso.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento