Deposito in fiamme. Ma era una discarica abusiva

Dopo i soccorsi i carabinieri di Porto Cesareo scoprono che si trattava di un capannone abusivo in via Veglie, utilizzato per lo stoccaggio dei rifiuti. Denunciato il gestore

Se non si fosse verificato un incendio le cui cause sarebbero accidentali, forse mai nessuno si sarebbe accorto che quel deposito di via Veglie, a Porto Cesareo, era adibito ad un sorta di discarica non autorizzata nel cui interno erano stati stoccati materassi, cartoni, rifiuti solidi urbani e perfino elettrodomestici. E così, in seguito all'incendio i carabinieri della stazione di Porto Cesareo hanno voluto vederci più chiaro e a conclusioni delle indagini hanno denunciato all'autorità giudiziaria un imprenditore di Carmiano, V. D., rappresentante di una cooperativa con sede a Monopoli che si occupa proprio di stoccaggio rifiuti. I militari inoltre hanno sequestrato l'area sui era stato adibito a deposito il capannone, grande circa 1130 metri quadrati.

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco, i quali hanno provveduto a domare l'incendio che ha interessato una superficie non molto ampia del deposito. Ad una prima stima i danni ammonterebbero a circa 2mila euro.

Intanto i carabinieri hanno provveduto a segnalare l'episodio agli organi preposti alla verifica di eventuali danni che i rifiuti, depositati direttamente sul terreno e non su pedane come previsto dalla legge, avrebbero potuto procurare all'ambiente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

  • Il giallo del piccolo Mauro: ascoltati per ore i genitori in una località segreta

Torna su
LeccePrima è in caricamento