Sventato nella notte un maxi sbarco di marijuana. Sequestro per sette milioni di euro

Intervento delle fiamme gialle a Torre Chianca. Alla vista dei militari gli scafisti hanno ripreso il largo, i trafficanti a terra sono fuggiti. Ritrovato un furgone col motore acceso e borsoni con 675 chilogrammi di sostanza stupefacente

Il carico sequestrato.

TORRE CHIANCA (Lecce) – Sul mercato avrebbe fruttato non meno di 7 milioni di euro. Ma un ingente quantitativo di marijuana, ben 675 chilogrammi, è ora custodito in attesa di essere distrutto presso il reparto della guardia di finanza di Otranto. Questa notte, infatti, le fiamme gialle hanno proceduto sul litorale di Torre Chianca al sequestro di diversi borsoni contenenti la sostanza stupefacente dopo aver sorpreso trafficanti e scafisti nel bel mezzo di uno sbarco.

I militari hanno trovato il furgone utilizzato per il carico con il motore ancora acceso mentre il gommone giunto sulla costa stava in tutta fretta riprendendo il largo. Il mezzo, dotato di tre motori fuori bordo, è stato intercettato dal dispositivo di controllo del reparto operativo aeronavale di Bari e dal gruppo aeronavale di Taranto. Immediate le indicazioni di intervento nella località dello sbarco date alle pattuglie a terra, dipendenti dal comando provinciale di Lecce e dalle sezioni operative navali di Otranto e Brindisi.

GUARDA IL VIDEO

Quando i soggetti impegnati nelle operazioni di sbarco si sono resi conto del sopraggiungere dei finanzieri, si sono dati alla fuga attraverso la macchia circostante. Sono in corso indagini per individuare i responsabili dello sbarco, i fiancheggiatori e la destinazione della sostanza stupefacente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento