Fermati dopo la rapina al supermercato, in quattro patteggiano la pena

Il colpo messo a segno lo scorso 28 gennaio a Supersano. L'auto su cui viaggiavano i rapinatori fu intercettata dai carabinieri

LECCE – Hanno patteggiato i quattro autori della rapina messa a segno all’interno del supermercato Sigma di Supersano il 28 gennaio 2017. Si tratta di: Domenico Dell'Avvocata, di 23 anni; e Angelo Carcagnì di 33; condannati a 3 anni e sei mesi. Due anni e sei mesi, invece, per Fatty Alagie, 21enne originario del Gambia e di Nicolas Masciullo, di 20 anni. Ai primi due è contestata anche la ricettazione dell’auto rubata per compiere la rapina. La sentenza è stata mesa dal giudice Vincenzo Brancato. Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Walter Zappatore, Massimo Gabrieli Tommasi e Arcangelo Corvaglia.

Erano passate da poco le 19 quando Masciullo e Fatty fecero irruzione nel supermercato, puntando la pistola (una scacciacani) contro la commessa urlando: “Questa è una rapina”. Poi, dopo aver prelevato circa mille euro dalle casse dell’attività commerciale, si allontanarono a bordo di una Renault Twingo su cui li attendevano i complici. Fu un altro dipendente del supermercato a notare il modello dell’auto utilizzata dai rapinatori e a segnarla ai carabinieri, che in intercettarono i rapinatori poco dopo, lungo la strada che da Supersano conduce a Cutrofiano.

I quattro furono fermati e arrestati. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia confessarono, ricostruendo (seppur con qualche contraddizione) i fatti, per cui oggi hanno chiuso i conti con la giustizia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro, quattro feriti. Ragazzo di 22 anni finisce ricoverato in coma

  • Auto acquistate con “Spot&Go”, scatta l’inchiesta: s’indaga per truffa

  • Formaggi venduti per Grana e conservati dal gommista, scatta il sequestro

  • Perde un anello molto prezioso e lo ritrova lanciando un appello su facebook

  • In poche ore due spaventosi incidenti con feriti sulle strade del Salento

  • Cocaina e marijuana in casa: perquisizione dopo i pedinamenti, arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento